Il caffè protegge dal Parkinson

Il caffè protegge dal Parkinson? Lo studio: un mix di sostanze nel caffè rallenta il declino cerebrale della malattia.

Il caffè protegge dal Parkinson? Lo studio: un mix di sostanze nel caffè rallenta il declino cerebrale della malattia. Una nuova ricerca ha scoperto che bere caffè potrebbe ridurre il rischio di sviluppare diverse malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson.

Alcuni ricercatori hanno identificato una variazione genetica specifica (GRIN2Agene) come fattore protettivo contro il Parkinson, secondo quanto riportato da Press TV.  I ricercatori dell’Università Linkoping in Svezia hanno esaminato una combinazione del fattore protettivo, la caffeina, e della variante genetica in GRIN2A tra i pazienti affetti da Parkinson da due contee nel sud est del paese.

La ricerca ha rivelato che le persone in possesso di entrambi i fattori potrebbero beneficiare di un rischio significativamente inferiore di sviluppare la malattia. “Il vantaggio è più evidente in coloro che consumano molto caffè”, hanno spiegato i ricercatori. “Le malattie neurodegenerative come il Parkinson hanno uno sfondo complicato in cui sono coinvolti sia fattori genetici che esposizione a fattori ambientali”. La malattia di Parkinson è un disturbo progressivo del sistema nervoso che colpisce il movimento di una persona. A causa della condizione cronica, parte del cervello viene progressivamente danneggiata per diversi anni. “Poiché la dopamina fa parte del sistema di ricompensa umano e l’interazione della caffeina con essa, è stato ipotizzato che individui con determinate variazioni genetiche non siano ‘premiati’ nella stessa misura da una tazza di caffè, e quindi non godrebbero del stesso effetto protettivo degli altri.

Lo studio pubblicato mostra che GRIN2A può essere una parte di tale predisposizione genetica, hanno chiarito i ricercatori. Studi precedenti hanno svelato l’importante ruolo di bere il caffè nell’evitare il rischio di malattie croniche, cancro alla prostata, diabete e declino cognitivo legato all’età. Diversi studi hanno anche dimostrato che l’assunzione regolare moderata di caffeina previene il declino della memoria nelle persone anziane e riduce il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Test psicologico che definisce la tua oggettività, cosa vedi prima?

Una mamma salvata dalla nuova moglie del padre dei suoi bambini

Come appendi la carta igienica dice molto sulla tua personalità

la tecnica più efficace di seduzione.

Uno scherzo dall'aldilà

Test: la prima cosa che vedi rivelerà il tuo stato emotivo attuale

Mia suocera era così gentile