Il cuore gentile di Sean

Non tutti sono in grado di ammettere che alcune volte si giudicano le persone da quello che indossano e dal loro aspetto fisico. Però, oggi abbiamo deciso di parlarvi di un messaggio di un uomo, pubblicato sulla sua pagina Facebook che ha fatto impazzire il web.



I protagonisti di questo storia, sono un padre, chiamato Blanton O’Neal e suo figlio di undici anni, Sean. L’uomo ha scritto un messaggio bellissimo, che dovrebbe far riflettere tutti. Di seguito il suo post: “Ero molto indeciso se scrivere questo o meno, in quanto dipinge un’immagine non troppo lusinghiera di me. Ma penso che alla fine è importante essere onesti con noi stessi. Ieri, mentre io e Sean siamo andati a NC per il suo torneo di calcio, ci siamo fermati ad un uscita e siamo andati in una stazione di servizio per mangiare qualcosa. Mentre io stavo pagando ho dato a mio figlio le chiavi della macchina in modo che lui potesse aspettarmi li. Prima che potessi arrivare in cassa ho impiegato molto tempo, poi quando sono uscito, ho visto la portiera di Sean che si apriva e si stava allontanando dall’auto per andare verso un uomo in sedia a rotelle. Era un signore afroamericano, molto anziano con le gambe amputate e mi è sembrato un senzatetto. Purtroppo il mio primo pensiero è stato quello di dire: ‘Oh cavolo, sta chiamando Sean per chiedergli dei soldi.’ Però, mentre mi avvicinavo a loro ho visto che mio figlio ha avuto una breve conversazione con l’uomo, poi si è girato ed è tornato in macchina. Così l’ho fatto anche io. Quando siamo saliti in macchina gli ho chiesto cosa era andato a fare e lui mi ha detto: 

‘Niente papà, gli ho chiesto se aveva bisogno d’aiuto. Ha detto di no e mi ha ringraziato per averglielo chiesto.’ Il problema è che io a prima visto, non ho nemmeno notato che il signore stava cercando di attraversare il parcheggio con ghiaia, pieno di buche, su una sedia a rotelle usando solo le mani. Non mi sono reso conto, che il mio bambino di undici anni, era abbastanza uomo da vederlo nello specchietto della mia auto… 

Poi quando stavamo andando via, Sean mi ha chiesto se potevamo lasciargli dei soldi. Così ci siamo accostati vicino all’uomo e gli abbiamo chiesto se aveva bisogno di qualche dollaro. Lui ha detto: ‘No grazie, tuo figlio è un vero gentiluomo e mi ha dato tutto ciò di cui avevo bisogno oggi. Che Dio vi benedica!’ Così mentre stavamo andando via Sean l’ha salutato e il signore ha ricambiato con un sorriso.

Molte persone, nel corso degli anni, mi hanno detto che il mio bambino ha un grande cuore. Sean non ha cercato lodi per quello che aveva fatto. Anzi non sapeva nemmeno che l’avrei visto. Ha solo pensato che quello era un uomo che aveva bisogno d’aiuto. Abbiamo dimenticato di guardare il mondo attraverso gli occhi di un bambino!” 

Il messaggio di Blanton dovrebbe far riflettere molte persone. Atti di gentilezza come questi potrebbero rendere il mondo un posto migliore per tutti. Condividete questa storia, per rendere omaggio a Sean ed al suo cuore gentile!