Il giorno in cui ho accettato che, semplicemente, non eri l’uomo per me

Home > Lifestyle > Il giorno in cui ho accettato che, semplicemente, non eri l’uomo per me

Prima di tutto, voglio che tu sappia che amarti non è stato affatto facile. Ci hanno sempre detto che l’amore è più forte di qualsiasi altra cosa. I film, i libri, le fiabe ci dicono la stessa cosa: l’amore vince su tutto.. Anche io ero una delle persone che credeva che l’amore potesse fare tutto. Ma ho capito che non è così e, anche se sembra un po’ difficile accettarlo, nel nostro caso, l’amore non era abbastanza.

Non bastava sentire che il mio cuore batteva così forte che quasi usciva dal petto quando le tue braccia mi circondavano. Non bastava pensare di aver trovato la persona con cui avrei trascorso il resto della mia vita. Volevo continuare a rimanere al tuo fianco, svegliarmi con te al mattino, prenderti la mano quando uscivi di casa; Volevo continuare ad augurarti la “buona notte” prima di spegnere la luce, anche se dormivi proprio accanto a me. E, anche se sembra strano, volevo anche altre cose che non mi facevano bene… come continuare a ignorare quel vuoto nei tuoi occhi o il modo in cui guardavi le altre ragazze quando eravamo per strada. Mi sono rifiutata di chiederti cose che già sapevo, perché non volevo ascoltare le tue risposte alle domande che mi tormentavano. Non volevo sapere cosa ne pensavi della nostra relazione, se vedevi un futuro insieme a me o se quello che provavi per me fosse il vero amore. Questo è stato uno dei peggiori errori che ho fatto, perché dentro di me qualcosa mi diceva che dovevo scappare. L’amore non è sempre semplice. Ma oggi so che ciò che provavo per te non era amore o, almeno, non era vero amore. E non offenderti, per favore. Ho capito che l’amore non pretende ma, al contrario, l’amore dà sempre senza chiedere nulla in cambio. Gli anni sono passati e sono maturata. Era inevitabile che tu restassi indietro. Ma non sempre tutto è stato semplice come lo è ora e non sono stata sempre la persona che sono ora. Ci sono stati mesi difficili in cui mi sono sentita persa, in cui affogavo e sparivo tra le mie stesse angosce e i pensieri che mi terrorizzavano così tanto. Sapevo che un giorno te ne saresti andato e non avevo idea di come controllare la mia paura di perderti.

Il processo è stato lungo. Mi ci sono voluti mesi e, forse, se non avessi avuto così tanta forza di volontà, mi ci sarebbero voluti anni. Ma un giorno ho deciso che era ora di pensare a me stessa. Ricordo che molte volte mi accusasti di aver preso la decisione sbagliata, di essere stata egoista e di rifiutare di vedere la realtà. Sai qualcosa? Le tue parole hanno avuto un effetto contrario ed è stato grazie a loro che un giorno mi sono svegliata e ho guardato in faccia la mia realtà.

Tu amavi solo te stesso e io non potevo continuare a offrire qualcosa che non avevo nemmeno per me stessa. Come potevo amarti se non mi amavo nemmeno io? Ora capisco che non puoi amare qualcuno senza prima amarti da sola, con i difetti ma anche con tutti i pregi che ti rendono ciò che sei.

Non dimenticherò mai il giorno in cui sono stata abbastanza forte da decidere di mettere fine a quel rapporto malato. Prima questa parola mi faceva paura ma quel giorno è stato come liberarmi, come spezzare le catene e aprire una porta che era rimasta chiusa per troppo tempo.

Anche se ti sembra strano, voglio ringraziarti, perché è grazie a questa esperienza che ho vissuto con te che ho imparato a valutare me stessa e ad amarmi come avrei sempre dovuto fare. Voglio che tu lo sappia, anche se il destino ti ha portato su un sentiero diverso dal mio.

Spero che anche tu sia cambiato e che le ragazze che la vita ha messo al tuo fianco siano state in grado di distinguere tra le verità e le bugie nascoste nelle tue parole.

Ti ho amato e non me ne pento, perché sapevo che, nonostante tutto, ero ancora abbastanza umana da poter amare. Anche se tu non eri l’uomo per me.