Il governo M5s-Lega guidato da Conte ha giurato: l’esecutivo è ufficialmente in carica

Finalmente dopo 90 lunghi giorni la nostra amata Italia ha un governo. La nuova squadra M5stelle-Lega guidata da Giuseppe Conte, ha prestato giuramento al Quirinale ed ora è ufficialmente in carica. “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione”.


Questa è la formula che il Presidente del Consiglio prima, ed i ministri poi, hanno recitato al colle davanti a Sergio Mattarella. Questa è la nuova squadra di governo:

Presidente del Consiglio – Giuseppe Conte

Vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico – Luigi Di Maio

Vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno – Matteo Salvini

Ministro dell’Economia – Giovanni Tria

Ministro per i Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta – Riccardo Fraccaro

Ministro della Difesa – Elisabetta Trenta

Ministro dell’Istruzione – Marco Bussetti

Ministro dell’Ambiente – Sergio Costa

Ministro delle politiche agricole – Gian Marco Centinaio

Ministro delle Infrastrutture – Danilo Toninelli

Ministro dei Beni Culturali e Turismo – Alberto Bonisoli

Ministro della Salute – Giulia Grillo

Ministro delle Politiche comunitarie – Paolo Savona

Ministro della Pubblica Amministrazione – Giulia Bongiorno

Ministro per gli Affari Regionali e Autonomie – Erika Stefani

Ministro per il Sud – Senatrice Barbara Lezzi

Ministro per la Disabilità – Lorenzo Fontana

Ministro degli Affari esteri – Enzo Moavero Milanesi

Ministro della Giustizia – Alfonso Bonafede

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio – Giancarlo Giorgetti.

Il presidente uscente Paolo Gentiloni ha lasciato la sua poltrona dopo più di un anno con un Tweet: “Grazie a tutta la squadra di governo. E a mia moglie. Servire l’Italia è stato un onore. Oggi la lasciamo in condizioni migliori di quelle di cinque anni fa”. Matteo Renzi invece, fa un “in bocca al lupo” a Giuseppe Conte e scrive su Facebook:

“Dopo 90 giorni di polemiche il Paese ha finalmente un nuovo governo. Noi siamo un’altra cosa rispetto alla maggioranza che compone questo esecutivo, radicalmente un’altra cosa. E mostreremo in Parlamento come si possa fare l’opposizione in modo civile. Ma questo non ci impedisce oggi di fare un grande in bocca al lupo al nuovo presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e alla sua squadra. Grazie al governo uscente, guidato da Paolo Gentiloni, per la serietà dimostrata e per il lavoro fatto. Il principio democratico dell’alternanza e del rispetto istituzionale è per noi un punto cruciale. Viva l’Italia e viva la Festa della Repubblica”.

Anche Alessandro Di Battista esprime la sua felicità:”Il Movimento 5 Stelle è al governo del Paese. Qualunque sia il vostro pensiero è una cosa enorme. Un movimento nato grazie alla follia di un comico e di un imprenditore che detestava le ingiustizie che, senza controllare giornali o TV, senza avere una sede e rifiutando 42 milioni di euro di rimborsi elettorali arriva, in poco tempo, al governo del Paese. Io ho fatto la mia parte e ne sono orgoglioso.

È vero, domani giorno del giuramento (qui a San Francisco sono le 23.30 di giovedì 31), ci sarei potuto essere anche io assieme ai miei compagni, ma ho scelto altro per la mia vita. Ho scelto il viaggio, la strada, la scrittura, lo studio, la lettura e soprattutto l’assoluta libertà. Se c’è una cosa che auguro con tutto il cuore a mio figlio è essere libero.

Quando sarà più grande cercherò di spiegargli l’importanza della libertà, dell’indipendenza, di seguire i propri sogni. Ma saranno parole, soltanto parole. I figli non fanno quasi mai quel che i genitori dicono, i figli fanno quel che i genitori fanno. Ebbene per poter crescere un ragazzo libero devo essere per forza libero io”.