Il mendicante

La donna dà soldi e il suo biglietto da visita a un mendicante, mesi dopo viene scoperta la sua vera identità

Home > Lifestyle > Il mendicante

Non c’è niente di meglio di una storia con un lieto fine, una storia che contiene umiltà, speranza ed amore. Shelby Lynn Henry Alexander, della Carolina del Nord (Stati Uniti), lavora come agente di vendita di case in un immobiliare, qualche tempo fa ha incontrato un mendicante per la strada. Cosi la donna ha deciso di…

Anche se non è qualcosa che fa di solito, la donna ha deciso di dargli dei soldi, e gli ha anche lasciato il suo biglietto da visita con i suoi recapiti. Qualche mese dopo la donna ricevette una chiamata, e successivamente scoprì che il mendicante non era chi pensava. “A gennaio di quest’anno, mentre ero nella mia macchina e aspettavo che il semaforo diventasse verde, ho visto un uomo con un cartello che diceva:” Ho bisogno di un piccolo aiuto. Lo ricompenserò in futuro. “Mi misi accanto a lui e gli dissi che di solito davo da mangiare, ma gli ho dato tre banconote arrotolate, con il mio biglietto da visita, nel caso avesse mai avuto bisogno di trovare un posto dove vivere. Come nella sua locandina disse “Ho bisogno di aiuto”, non sapevo se fosse un mendicante o se stesse attraversando un brutto momento. Non ho mai saputo il suo nome ma ricordo la sua faccia. Ricordo tutto, i suoi vestiti sottili sotto il freddo, e di come avesse usato le sue coperte per coprire il suo cane invece di se stesso, ho visto come nei suoi occhi traspariva la vergogna quando gli venivano dati dei soldi. Ho pregato per lui e me ne sono andata.

Questo pomeriggio, mentre ero a lavoro, ho ricevuto una telefonata da un uomo che voleva vedere una delle nostre case ed ha detto che voleva parlarmi. Abbiamo deciso di vederci e siamo andati nel luogo in cui ci saremmo incontrati. Appena arrivato, i miei occhi erano fissi su un cane, che guardava fuori dal finestrino del veicolo, e sembrava molto felice. L’ho riconosciuto subito…

Più tardi l’uomo è sceso dal veicolo, era lo stesso uomo a cui gli avevo dato dei soldi pochi mesi fa. Questa volta indossava una maglietta, pantaloni nuovi e stivali molto puliti. La prima cosa che pensai fu che mi avesse tradito, dicendo che aveva bisogno di soldi, indossando abiti vecchi e in cattive condizioni la prima volta che lo incontrai. Ma poi ho capito che non era così. Mi ha riconosciuto. Con la mano tesa e gli occhi pieni di lacrime, mi ha consegnato tre biglietti da visita piegati intorno al mio biglietto da visita.

Oltre ad essere confusa, mi ha lasciata incapace di articolare delle frasi. Spiegò che la sua ex moglie aveva preso tutto ciò che aveva tranne il cane e se n’era andata con un altro uomo. A quel tempo non avevo bisogno di cose, solo di aiuto. Scoprì che era un ingegnere ed aveva trovato un buon lavoro, una nuova macchina, un cane ed una nuova vita. Stava guardando delle case per un amico e mi ha detto che aveva contattato me perché era il suo turno di restituirmi il favore, raccomandando la mia compagnia al suo amico. Proprio come c’era scritto sul suo poster.

Quello che ho imparato questo pomeriggio è che non sai mai cosa succede nelle vite degli altri, e che può essere molto facile giudicare dalle apparenze, senza conoscere tutte le circostanze. Ho pregato per lui e sono andata via e lui e tornato da me restituendomi ciò che avevo seminato.