“Il momento tanto atteso è arrivato, la piccola Elisa ha fatto il trapianto, il suo angelo sconosciuto le ha donato il midollo”

Home > Lifestyle > “Il momento tanto atteso è arrivato, la piccola Elisa ha fatto il trapianto, il suo angelo sconosciuto le ha donato il midollo”

Questa è la storia della piccola Elisa, una bambina malata di leucemia che ha commosso il mondo intero. Sono state migliaia le persone che si sono mobilitate per lei e il 17 Febbraio scorso, Elisa ha trovato un donatore di midollo compatibile al 90%.

L’angelo sconosciuto, che aveva letto la storia di Elisa sui social, le ha permesso di sottoporsi al tanto atteso trapianto di midollo. La notizia, è stata data dai genitori, Fabio e Sabrina direttamente sui social, ed è stata accolta con entusiasmo da moltissime persone che hanno scritto da tutta Italia per fare gli auguri di pronta guarigione alla piccola Elisa. I genitori della piccola avevano creato una pagina Facebook chiamata “Salviamo Elisa”. E sono stati proprio loro a ringraziare tutti coloro che si sono mobilitati per la loro piccina. “Il momento tanto atteso è arrivato, la piccola Elisa ha fatto il trapianto, il suo angelo sconosciuto le ha donato il midollo. Quella sacca, per la nostra piccola, prelevata tramite aferesi, dal sangue periferico, che sembrava solo un sogno fino a poco tempo fa, è arrivata.
Papà Fabio e mamma Sabina hanno scelto di vivere questo momento, particolarmente delicato, in silenzio, dedicando il massimo delle loro energie alla bimba.

La preparazione al trapianto, l’infusione e il post-trapianto sono il punto di ripartenza, si tratta di protocolli complessi e molto delicati, gli effetti non sono scontati e nemmeno immediati. La piccola dovrà rimanere in camera sterile e solo dopo circa 100 giorni si potranno fare le prime valutazioni.

Restiamo quindi in attesa, in punta di piedi, incrociamo le dita, preghiamo e continuiamo a tifare per la nostra amata “Gufetta”

(come si auto definisce), che continua a mantenere il suo sorriso e la sua vivacità, mentre il nuovo midollino inizia a lavorare. Forza Piccola”.

La terribile diagnosi, è arrivata circa un anno fa,

e si sono mobilitati anche personaggi dello spettacolo e calciatori, per trovare un donatore che alla fine, fortunatamente è arrivato.