Il primo bambino che si diploma con mantello e cappello nel reparto di terapia intensiva, una storia di Fede

Ai suoi genitori era stato detto che il loro figlio aveva una probabilità di sopravvivenza del 2%. Cullen è venuto al mondo a 22 settimane di gestazione. Ma quando la Fede irrompe, non ci sono previsioni che possono contro di essa.


Quando a Molli Potter fu detto che avrebbe dovuto riposare durante tutta la gravidanza, non avrebbe mai immaginato che suo figlio sarebbe arrivato così presto. Tuttavia, raggiungendo 22 settimane di gestazione, Cullen è nato prematuro e i medici hanno detto alla coppia che il loro bambino aveva ben poche possibilità di sopravvivenza, e non avrebbero potuto provare a salvarlo perché nato prima delle 24 settimane. 

In preda alla disperazione, chiamarono altri 16 ospedali e tutti dissero loro la stessa cosa. Molli non poteva credere che con la semplice burocrazia una vita non fosse presa in considerazione. Ma Dio li ascoltò quando il Children and Women’s Hospital dell’Università del Sud Alabama disse loro che lo avrebbero ricevuto lì. Alla fine, Cullen fu in grado di ricevere tutta l’attenzione di cui aveva bisogno e fu in grado di sviluppare la sua forza – esterna e interna – nella sala di terapia intensiva.

Laureato con onore

A 160 giorni questo piccolo guerriero era pronto per tornare a casa. Gli era stato detto che non sarebbe sopravvissuto, ma eccolo lì, mostrando al mondo la forza della fede, e che credere nei miracoli paga.

Le infermiere consideravano Cullen un caso molto speciale. Aveva pesato solo 680 grammi alla nascita e ora, cinque mesi dopo, pesava 2700 g ed era pronto per tornare a casa. Poi, come con i diplomati, misero un berretto e un vestito che Molli e suo marito avevano comprato, e lo fecero camminare per i corridoi dell’Ospedale mentre suonava la musica di diploma.

I Potter avevano voluto dare al loro figlio una laurea con lode in riconoscimento della sua lotta e del suo coraggio e del suo sforzo per sopravvivere. Era stato un vero miracolo ed era necessario che tutto il mondo lo sapesse. “Siamo sollevati di averlo a casa e stare tutti insieme”, ha detto Robert, il padre del piccolo lottatore. “Con tutto quello che potrebbe essere successo, lui è qui e lui prospera.”