Il sindaco taglia il suo albero, quest’uomo si vendicherà in un modo incredibile

Home > Lifestyle > Il sindaco taglia il suo albero, quest’uomo si vendicherà in un modo incredibile

A Los Angeles, a Redondo Beach, c’è un uomo che aveva uno strano rapporto con un albero di pepe, sul suo marciapiede. Un giorno il sindaco di questa città, prese la decisione di abbatterlo, perché le sue radici stavano creando molti problemi ai marciapiedi. Così l’uomo si infuriò tantissimo e preparò una vendetta contro il primo cittadino. Alcuni anni dopo, pubblicò la storia su i social, scrivendo:

“Ciao sono Arbicoltore, ciò significa che dedico la mia vita agli alberi, li allevo, li studio e li nutro. Li amo, nel vero senso della parola, perché per me sono tra le più grandi, belle ed antiche creature del nostro pianeta. Oggi voglio raccontarvi una storia sulla morte, sulla nuova vita e sulla vendetta. Tre anni fa il governo di Redondo Beach ha ordinato la fine della vita del mio albero di pepe trentenne, Clyde. Le sue radici avevano iniziato a sfondare il marciapiede di cemento davanti la mia porta. L’amministrazione comunale ha firmato la condanna a morte del mio amato albero. Mi ha anche fatto pagare la rimozione ed il danno del marciapiede. Sono stato felice con Clyde, sto invecchiando quindi per me è stato molto importante piantare qualcosa che avrebbe vissuto molto tempo dopo la mia morte. Mi sono preso cura di lui, ho prosciugato la sua terra, gli ho dato supporto quando era ancora molto giovane e l’ho visto crescere. Proprio quando Clyde divenne un albero robusto e sano ed allargò le sue radici come tentacoli, costruendo un magnifico tetto di foglie, mentre si riempiva di vita, proprio in quel momento, arrivò il sindaco e strappò il mio splendido figlio. 

Pagherà caro, perché esattamente due anni e sette mesi fa, ho piantato segretamente quarantacinque sequoie costiere ed ottantadue sequoie giganti, in vari parchi, nella città. A questo punto le radici di ognuno si saranno sparse per almeno nove metri e si ancoreranno profondamente nel terreno. Caro sindaco potresti aver notato gli alberi che crescono di fronte all’edificio del governo, o quello che cresce nel tuo giardino. 

É una sequoia gigante e nei prossimi mesi crescerà ancora di più. Hai concluso la vita di Clyde, ma l’ho sostituita con più di cento giganti viventi. Vedrai che diventeranno enormi. In pochi anni raggiungeranno tra i trenta ed i sessanta metri d’altezza e vivranno per più di due mila cinquecento anni. 

Molto più della nascita di Cristo. Per eliminarne solo uno, dovrebbe affrontare costi superiori a mille quattrocento dollari. Soffocherai su questo disegno di legge, come ho fatto io tre anni fa. Buona giornata! Voglio che tutta la città sia invasa dagli alberi e che Clyde possa riposare in pace”!

Che storia assurda non trovate?