I’mUp, il make up che ricarica lo smartphone

Sembra una normalissima trousse per il trucco, ma nasconde un'anima hi tech!

 

Si chiama I’mUp ed è una comoda palette per il trucco, per rifarci il make up ogni volta che ne abbiamo bisogno, anche quando non siamo a casa. Ma non è solo questo, perché quella che sembra una normalissima palette per truccarsi, una “banalissima” trousse da viaggio con i nostri trucchi preferiti nasconde in realtà un altro comodissimo utilizzo: ricarica anche gli smartphone e i tablet. Così in borsetta non dovremo avere più una trousse e un caricabatteria, ma tutte e due le cose in un unico oggetto.

make-up-donna-imup

I’mUp – Innovative Make-up

L’idea è di Antonio Sorrentini e Silvia Cirillo, che hanno ideato “I’mUp – Innovative Make-up“, una palette refillable che serve anche come comodo e pratico caricabatteria da portare sempre con noi. Da un lato ci servirà per “incipriarci il naso” e rifare il trucco quando comincerà a rovinarsi e avrà bisogno di un ritocchino, mentre dall’altro ridarà vita ai nostri dispositivi hi tech, che in quanto a durata della batteria non brillano proprio.

make-up-donna-imup2

La palette per il trucco che ricarica gli smartphone

La palette presenta uno specchietto e un minikit con due pennelli (flocked tips brush/pennellino angolato e mini brush), mentre sotto un’altra cover troviamo la palette blush con i colori di tendenza per il make up dell’autunno-inverno 2015-2016. La palette è disponibile nelle versioni Pink Fusion e Brown Fusion.

I lati, poi, ospitano le prese per poter ricaricare i nostri device, ovunque siamo: geniale, no? Lo trovate su Kickstarter.

Prima di spegnersi pubblica un post su Instagram: il mondo intero si commuove

Le persone con Rh negativo non sono di questa terra?

Desideravano una figlia e la adottano in Uganda ma il finale è diverso da quello che vi aspettate

La storia di Analìa e della sua piccola guerriera Luz Milagros, nata a sei mesi di gestazione

A cosa serve la taschina degli slip femminili?

"Io devo andare al matrimonio di mia sorella..."

Questa bambina si sveglia ogni mattina alle sei, per fare la zuppa.