In Cina gli smombie avranno un attraversamento pedonale dedicato

Anche voi siete tra quelli che non distolgono mai gli occhi dallo smartphone?

Home > Lifestyle > In Cina gli smombie avranno un attraversamento pedonale dedicato

Anche voi siete degli smombie o prestate attenzione quando camminate per strada? Non sapete cosa sono gli smombie? Per capirlo non dovrete far altro che uscire di casa e appostarvi vicino a delle strisce pedonali… Li riconoscerete, perché sono quei pedoni che, anche mentre attraversano la strada, non riescono a staccare gli occhi dai loro smartphone. Un comportamento pericolosissimi che può mettere a rischio la propria vita e quella degli altri. Per loro in tutto il mondo si stanno pensando soluzioni ad hoc per evitare incidenti.

Alle Hawaii, ad esempio, hanno proibito l’uso dei cellulari in strada. Troppi gli incidenti causati da pedoni che non prestano attenzione e continuano a mandare messaggi o a controllare le notifiche sul loro smartphone anche mentre si accingono ad attraversare una strada trafficata.

In Cina, invece, hanno pensato di riservare una strada a chi non riesce a distogliere lo sguardo dal telefonino mentre cammina per strada. Una soluzione ideata per garantire la sicurezza dei pedoni, ma anche quella degli altri, come ad esempio degli automobilisti o di altri passanti che potrebbero restare coinvolti in incidenti provocati dalla disattenzione.

A Xian, come riportato dal South China Morning Post, è stata realizzata una corsia per gli smombie (neologismo azzeccatismo, perché si tratta di persone che diventano veri e propri zombie con lo smartphone sempre in mano) fuori da un centro commerciale: una strada larga un metro e lunga un centinaio di metri.

Ovviamente ci sono dei segnali di identificazione, che suggeriscono che quella corsia è dedicata solamente a chi soffre di dipendenza da smartphone.

Piuttosto che creare corsie ad hoc, insegnare a giovani e adulti che non si può camminare per strada, come non si può guidare un’auto o una bici, con il telefono in mano non sarebbe più utile?