Infermiera si ritrova a lavorare con uno stagista. Dopo diversi giorni, si accorge di conoscerlo

"Più osservavo quello stagista e più vedevo qualcosa nei suoi occhi. Dopo un po, mi sono accorta di conoscerlo!"

Spesso non ci rendiamo conto di quanto sia piccolo il mondo, ci capita di conoscere una persona, chiacchierare, per poi scoprire che si hanno amici o parenti vicini. O magari per scoprire che si è frequentata la stessa scuola o gli stessi posti da bambini. E’ proprio di questo che parla la storia che oggi abbiamo il piacere di raccontarvi.


La protagonista è un’infermiera di un reparto neonatale, di nome Vilma Wong, che si è ritrovata a dover condividere le giornate lavorative, con un nuovo collega, un ragazzo di 28 anni, di nome Brandon Seminatore. Vilma oggi ha 54 anni, ma ha lavorato come infermiera alla NICU, per ben 32 anni. Inizialmente la donna sentiva che in Brandon c’era qualcosa di familiare, ma non riusciva a capire bene cosa. Un giorno, parlando, il ragazzo le raccontò di essere stato ricoverato in terapia intensiva proprio in quell’ospedale, dopo la nascita. In quel preciso momento, in Vilma si accese come una lampadina, lo guardò e si ricordò immediatamente di lui. Brandon, 28 anni prima, nel 1990, era stato ricoverato nel suo reparto neonatale e lei si era presa cura di lui, aiutandolo a rimanere aggrappato alla vita. Il giorno successivo alla scoperta, il ragazzo si è recato al lavoro, con una vecchia fotografia dei primi giorni della sua nascita in ospedale e si trovava proprio in braccio a Vilma. Quando la donna ha visto quell’immagine, si è commossa ed ha dichiarato: “aveva qualcosa negli occhi, l’ho capito subito. Poi ho iniziato a fargli delle domande, quando riflettendo il cognome, mi sono ricordata di aver avuto un bambino che si chiamava così, molti anni prima.

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Gli ho domandato se suo padre fosse un agente di polizia e lui improvvisamente ha sorriso e poi mi ha detto che sua madre gli aveva raccontato di un’infermiera, che lo aveva preso a cuore come un figlio, ma gli aveva anche detto che probabilmente era in pensione! E’ stata un’emozione unica!”

Brandon ha dichiarato: “incontrarla è stato surreale. Mia madre mi aveva sempre parlato di lei, quando mi raccontava della mia terribile esperienza in ospedale. L’ho sempre immaginata un po’ come la mia salvatrice!

Quando le ho portato, il giorno successivo, quella foto, è stato qualcosa di magico. Prendermi cura dei bambini, insieme a colei che si è presa cura di me, è un sogno che si realizza!”

Una storia che non si vede tutti i giorni, non trovate?