Invecchiamento precoce del cervello

I turni di notte causano l’invecchiamento precoce del cervello, lo rivela uno studio.

Home > Lifestyle > Invecchiamento precoce del cervello

I turni di notte causano l’invecchiamento precoce del cervello, lo rivela uno studio. Lavorare di notte può avere i suoi vantaggi, si ha più tempo durante la giornata ma c’è sempre un prezzo da pagare.

Il sonno è essenziale come respirare o mangiare, in quel momento i nostri cervelli elaborano ciò che abbiamo fatto durante il giorno e la memoria si deposita. I nostri corpi svolgono alcune attività di manutenzione di base. Quando i lavoratori notturni dormono abbastanza, lo fanno nei momenti sbagliati.

Il corpo non si adatta

È scontato che il nostro orologio biologico si adatta alle esigenze del lavoro notturno. Ma secondo uno degli esperti britannici nello studio del sogno, Russell Foster, dell’Università di Oxford, “la scoperta davvero straordinaria comune in una grande varietà di studi diversi è che non ti adatti mai”. Ciò significa che coloro che lavorano di notte per un lungo periodo di tempo hanno maggiori probabilità di sviluppare una serie di gravi malattie, dal diabete di tipo 2 alle malattie cardiache e al cancro.

Alcuni scienziati ritengono che chiunque lavori alle 4 del mattino, abbia la stessa capacità di elaborare le informazioni come chi ha bevuto un paio di whisky o birre.

Non è divertente quanto essere ubriachi, ma pensare chiaramente è una sfida. Nel 2007 l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che i turni notturni possono essere una probabile causa di cancro.

Uno studio recente ha concluso che il cervello dei lavoratori che lavorano di notte per dieci anni aveva 6,5 ​​anni in più . Di conseguenza non potevano ricordare o pensare con la stessa velocità di chi non lavorava di notte. Un altro studio condotto negli Stati Uniti ha seguito 75.000 infermieri che hanno lavorato ai turni negli ultimi 22 anni e ha concluso che una persona su 10 che lavora con programmi a rotazione per sei anni morirà prematuramente.

Ma non si tratta solo del danno che facciamo a noi stessi: in alcuni lavori possiamo mettere gli altri a rischio. Ad esempio, chi guida i camion può provocare incidenti. Ci sono persone che lavorano sei giorni alla settimana con appena tre ore di sonno al giorno. Ci sono regole stabilite che limitano il numero di ore in cui un camionista può lavorare. Ma nessuno controlla cosa dovrebbero fare quegli stessi conducenti nel loro “tempo di riposo”.