La bambina abbandonata, che è stata trovata per miracolo

“Mi chiamo Charmaine Keevy e sono di Port Elizabeth, in Sud Africa. Qualche mese fa, mi è accaduto qualcosa che mi ha lasciata del tutto sconvolta, non potevo immaginare di vedere una scena del genere. Era un giorno come gli altri, per me ed ero uscita con la mia cagnolina Georgia a fare una passeggiata.


L’abbiamo sempre fatto. Però, quel giorno, avevo deciso di prendere una strada diversa. E’ stato come un segno del destino. Infatti, mentre stavamo camminando, ho sentito come un miagolio di un gatto, provenire, da sotto una fogna. Ovviamente, Georgia, era molto curiosa e voleva andare a vedere a tutti i costi. Così, io sono andata dietro di lei. Ad un certo punto, però, ho visto qualcosa di davvero terribile. Ho preso una barra d’acciaio ed ho alzato la lastra che copriva il tombino e quando mi sono affacciata per vedere, non era un gatto, ma era un neonato. Ero in preda al panico e non sapevo cosa fare. Ho fermato una macchina, ero sicura nel voler scendere e cercare di salvargli la vita. Cornie Viljoen, ha deciso di fermarsi e di venire ad aiutarmi. Sono scesa subito ed ho visto che quella fogna era piena di formiche rosse. Quel posto era una vera e propria scena del crimine. Così ho preso il mio telefono ed ho scattato una foto e poi ho chiamato subito i medici. Era una bambina, con pochi giorni di vita. L’ambulanza è arrivato in breve tempo e la piccola è stata portata subito in ospedale.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Era completamente nuda, con il cordone ombelicale ancora attaccato. I dottori, in seguito l’hanno curata per ipotermia e problemi respiratori.

La polizia ha fatto diverse indagini, ma sulla madre non ci sono notizie. L’assistente sociale Pamela Rubushe, ha dichiarato che era stata abbandonata da poche ore.

Ora, la piccola, è stata chiamata Grace April e tutti si stanno impegnando per cercarle dei genitori che l’amino davvero, come merita.

Io sono stata davvero felice, che insieme a Georgia, siamo state in grado di salvarle la vita!”