La Barbie coperta di lividi contro la violenza sulle donne

Sarà esposta alla Triennale d'Arte di Venezia!

 

Una Barbie coperta di lividi per denunciare la violenza sulle donne. E’ questa la provocazione che sarà in scena in occasione della Triennale dell’Arte contemporanea di Verona, che si terrà nella città veneta dal 9 al 12 giugno 2016. L’opera, che verrà mostrata in anteprima proprio a Verona, si intitola “Beaten Barbie – Mai più violenza sulle donne” e vuole essere un modo per far riflettere le persone che si trovano di fronte alla creazione dell’artista Lady Be sull’importanza di lottare contro ogni forma di violenza di genere.

barbie-lividi1
Beaten Barbie – Mai più violenza sulle donne

L’artista ha ricostruito il volto di una Barbie, che non risulta però perfetto come nelle bambole della Mattel con cui le nostre bambine giocano e con cui abbiamo giocato anche noi: il volto della Barbie è pieno di lividi, di ematoni, di ferite, frutto di una violenza perpetrata ai suoi danni. Violenza che, purtroppo, colpisce ogni giorno troppe donne.

Molti considerano la donna una bambola, con cui giocarci e da buttar via o maltrattare quando non serve più. E l’opera di Lady Be riflette proprio su questo aspetto: la sua Barbie è composta anche da moltissimi volti femminili, a dimostrare che sono troppe le donne che ogni giorno sono costrette a subire atti di violenza.

Nell’opera compaiono anche pugni e mani di uomini, a raccontare il fatto che, purtroppo, nella maggior parte dei casi le violenze sono compiute da chi dovrebbe proteggere le donne e invece le ferisce violentemente.

No alla violenza sulle donne!