La blogger israeliana più famosa al mondo decide di mandare un forte segnale ai suoi fan

Immagini che lasciano il segno!

Home > Lifestyle > La blogger israeliana più famosa al mondo decide di mandare un forte segnale ai suoi fan

Ashley Waxman Bakshi è una delle blogger e vlogger più famose in Israele. Grazie ai suoi consigli di bellezza e di lifestyle, è seguita ogni giorno su YouTube e sui suoi canali social da centinaia di migliaia di seguaci, che un giorno hanno dovuto assistere a una scena straziante: la morte in diretta di Ashley Waxman Bakshi mentre era alla guida della sua automobile.

La blogger era alla guida della sua automobile, quando ha cominciato a registrare un video in diretta, al quale hanno cominciato a partecipare, da ogni capo del mondo, tantissimi follower. All’improvviso, però, mentre parlava è successo l’impensabile: la ragazza ha avuto un terribile incidente. Un boato, un rumore forte, poi immagini sfocate, fumo, fuoco… La notizia dell’incidente di Ashley Waxman Bakshi si è diffusa a macchia d’olio in pochissimo tempo, causando non solo un’impennata delle visite sui suoi canali social. Tutti erano preoccupati per lei e temevano il peggio… Per fortuna, però, Ashley Waxman Bakshi sta bene: si è trattato di uno stratagemma per aumentare la consapevolezza del pericolo di chi usa il cellulare al volante. Lo sapete che è la causa dell’80% degli incidente stradali? Alcuni dei quali possono anche essere fatali! La campagna, di cui vi proponiamo il video qui sotto, è stata lanciata dall’associazione Or Yarok e dall’agenzia BBR Saatchi & Saatchi di Tel Aviv.

Secondo l’agenzia queste campagne sono molto più efficaci dei messaggi di sensibilizzazione, perché in quei casi gli utenti li percepiscono come annunci e non badano ai messaggi proposti.

Sicuramente Ashley Waxman Bakshi ha spaventato moltissimi tutti i suoi seguaci sui social network, ma ha sicuramente centrato l’obiettivo.

Ecco cosa può succedere quando ci si mette alla guida della propria auto e si usa il telefono cellulare.

I pericoli sono reali, non dobbiamo dimenticarlo mai: la sicurezza prima di tutto!