La fedeltà è tipica delle persone più intelligenti

Home > Lifestyle > La fedeltà è tipica delle persone più intelligenti

Rodolfo Llinás è un neuroscienziato colombiano che ha dedicato la maggior parte della sua vita allo studio del cervello. Ha diretto il programma NEUROLAB alla NASA ed è attualmente direttore del dipartimento di psicologia e neuroscienze presso l’Università di New York. Qualche tempo fa ha rilasciato un’intervista in cui ha espresso le sue opinioni sui concetti di fedeltà, amore e felicità.

Le sue affermazioni provano, dal punto di vista neurologico, ciò che molti già sapevano grazie al loro buon senso, all’esperienza o dall’osservazione del comportamento delle persone intorno a noi. Egli afferma che il cervello è un sistema chiuso, che è solo “trafitto” dai sentimenti. Indica che il suo funzionamento ha qualche analogia con quella di un computer, con la differenza che il cervello ha plasticità e creatività: è modificato, nutrito e cambiato. Secondo i suoi ampi e profondi studi sul cervello, conclude che la struttura intellettuale è basata su quella emotiva. Prima c’è l’emozione e poi la ragione. Formiamo le nostre idee non tanto dal ragionamento, ma da quello che sentiamo. L’amore ha un posto di rilievo e la fedeltà è tipica delle persone più intelligenti, secondo le sue parole.

Fedeltà e intelligenza

Rodolfo Llinás indica che l’area emotiva del cervello è una delle più antiche. Fu una delle prime a svilupparsi. Secondo le sue parole, “è il cervello dei rettili, a seguire solo schemi fissi di azione. Questo è il motivo per cui si avvicinano o partono se vogliono cibo; attaccano se vogliono difendersi e si accoppiano se vogliono riprodursi “. L’amore ha la sua origine nella stessa area, ma implica diverse funzioni fisiologiche. L’amore, dice Llinás, è come un regalo. E chi è innamorato diventa avido. Vuoi avere sempre più amore dalla persona che ami. Aggiunge anche che “nessuno muore a causa dell’amore eccessivo”.

L’amore, dice lo scienziato, non è come fare ginnastica, ma come ballare, dal punto di vista fisiologico. Di fronte al cosiddetto “amore eterno” dice: “struttura e modula i modelli di azione fissi sulla base del vedere l’altro come una mano; prendersi cura di te è una mia responsabilità, e viceversa. Sapere che non ci sarà una ferita da taglio è normale”

La fedeltà contribuisce a non erodere inutilmente l’energia emotiva o intellettuale. L’essere umano, il più intelligente, il più orientato verso le grandi preoccupazioni dell’umanità, abbandona le situazioni che destabilizzano la sua vita o usano l’energia per azioni più complesse. Per tutto ciò, Llinás conclude che l’amore eterno è una danza infinita di neuroni tra due persone intelligenti.

Studio sull’intelligenza e sulla fedeltà

Rodolfo Llinás non è l’unico che ha parlato della relazione tra intelligenza e fedeltà. Uno studio condotto dal Dr. Satoshi Kanazawa, specialista in psicologia evolutiva, arrivò a una conclusione simile. Nella sua ricerca, è stato sottolineato che gli uomini con coefficienti intellettivi più elevati (superiori a 106) valutano di più la fedeltà in coppia. Nelle donne è diverso: tutte le donne apprezzano la fedeltà, senza che questo sia collegato al loro livello di intelligenza.

Lo studio indica che la monogamia è una fase più alta dell’evoluzione umana. In linea di principio l’uomo è strettamente legato al comportamento istintivo dei mammiferi. Questo li inclina alla poligamia. Ma sia nella storia dell’umanità, sia nella storia individuale di ogni uomo, la monogamia sembra implicare un livello superiore di evoluzione.

La vera infedeltà ha bisogno di alcune congiunture, come quella di avere molto tempo libero e molta disposizione emotiva per affrontare il conflitto che si crea. Quando una buona parte del nostro tempo è occupata, è più complicato spenderne una parte negli intrighi e nelle strategie associate all’infedeltà. Non c’è abbastanza energia emotiva per pagare il prezzo di agire in segreto, evitando di essere scoperti e di mantenere una finta facciata.

È molto più intelligente stabilire una relazione e perfezionarla piuttosto che saltare da una relazione all’altra. La monogamia porta grandi soddisfazioni, non è un sacrificio. Come ogni situazione umana con coraggio, implica degli sforzi. Se la vita individuale è focalizzata su grandi obiettivi, sicuramente un compagno permanente o compagno di viaggio è un grande tesoro da custodire. E al contrario, se la vita si concentra sul banale, una relazione stabile impedisce quella futilità e insignificanza.