La magia della fioritura delle lenticchie a Castelluccio di Norcia

 

Quando cerchiamo la meta delle nostre vacanze o semplicemente di un weekend lontani da casa e dal tran tran quotidiano, spesso ci spingiamo molto lontano, dimenticando delle bellezze che la nostra terra ci regala. Merita, senza ombra di dubbio, una menzione la città di Castelluccio di Norcia, una vera e propria meraviglia. Perché è così speciale questo borgo sui Monti Sibillini? Perché ha una bella storia, è immerso in una natura fantastica, perché si mangia bene e perché qui si compie la magia della fioritura delle lenticchie.

castelluccio-di-norcia1
Castelluccio di Norcia, nel pieno della fioritura

Ogni anno, tra la metà di maggio e la fine di luglio, l’altopiano di Castelluccio, che si trova nel parco nazionale dei Mondi Sibillini, si colora di tinte davvero molto affascinanti. Uno spettacolo della natura che attira turisti e fotografi da ogni parte d’Italia e anche del mondo: tutti vogliono assistere alla fioritura. E questo spettacolo ci è dato dalle piante delle lenticchie.

castelluccio-di-norcia3
Lo spettacolo ci è gentilmente fornito dalle lenticchie

Le lenticchie di Castelluccio di Norcia sono molto conosciute, perché sono molto buone. Ma forse non tutti sanno che, oltre a essere ottime da portare in tavola, ci regalano anche uno spettacolo unico, quando le piante fioriscono.

castelluccio-di-norcia2
L’altopiano si accende di tanti colori

La fioritura, ovviamente, non ha una data fissa: gli appassionati, da metà maggio a fine luglio, chiamano di continuo il bar che si trova su un cima sull’altopiano per verificare lo stato di avanzamento della fioritura. E ci sono anche webcam puntate sui campi per non perdersi lo spettacolo.

castelluccio-di-norcia5
Uno spettacolo unico!

Eh sì, perché il borgo nel cuore della Valnerina, situato a quota 1452 metri e a pochi chilometri dalla famosa Norcia, in cime a una collina al centro di un vasto altopiano, regala uno spettacolo unico: un mosaico di colori conquista chiunque si trovi a passare da lì.

Che dite, merita una visita?

di Redazione