La pagina Facebook che celebra gli ombrelli rotti

Un'artista inglese pubblica gli scatti degli ombrelli e prova a ricostruirne la storia!

 

Voi cosa fate quando un ombrello si rompe? Sicuramente lo buttate via o, se siete più creative, lo riciclate con idee fantastiche. In Inghilterra, invece, c’è un’artista che ha pensato bene di creare una pagina Facebook dedicata proprio agli ombrelli usati, usurati, rotti e abbandonati che vagano per la città. Lei arriva da Nottingham, ma in tutto il mondo si vedono ombrelli lasciati al loro destino, solo perché il vento ha deciso di rompere la loro struttura, facendoli risultare ormai inutili e privi di ogni interesse. Ma non è così per questa signora.

ombrelli-rotti2

Ombrelli che non servono più…

Lei si chiama Edie Beehiven, vive a Nottingham e “passa il suo tempo” andando in giro a fotografare gli ombrelli rotti che trova per strada: e vivendo in Inghilterra, dove pioggia e vento non mancano mai, sicuramente le occasioni per incontrare oggetti primi indispensabili e ora abbandonati sono davvero moltissime.

ombrelli-rotti3

Ombrelli a cui ridare una storia!

Ma lei non si limita a fotografare gli ombrelli rotti incontrati per strada, pubblicandoli poi sulla pagina Facebook dedicata: lei cerca anche di ricostruire una storia, di ricreare un passato a questi oggetti ormai dimenticati dai loro proprietari e abbandonati per sempre. Per ridare loro un minimo di dignità e per dare loro un luogo dove non saranno mai dimenticati!

ombrelli-rotti4

Ombrelli abbandonati da soli!

Singolare come idea, non trovate?

ombrelli-rotti5

Ombrelli lasciati per strada

Le persone con Rh negativo non sono di questa terra?

Prima di spegnersi pubblica un post su Instagram: il mondo intero si commuove

A cosa serve la taschina degli slip femminili?

La storia di Analìa e della sua piccola guerriera Luz Milagros, nata a sei mesi di gestazione

Desideravano una figlia e la adottano in Uganda ma il finale è diverso da quello che vi aspettate

"Io devo andare al matrimonio di mia sorella..."

Mantova: donna partorisce la sua bambina, nonostante sia incosciente