La richiesta di Lexi Brown

Ci sono ancora persone buone là fuori!

Lexi Brown amava la pizza. La adorava alla follia e non poteva proprio resistere ad una fetta di pizza con il formaggio filante. Nemmeno se si trovava nel letto di un ospedale ad affrontare l’ennesimo ciclo di chemioterapia per combattere il cancro che aveva colpito il suo tessuto connettivo. Così decise di appendere un cartello alla finestra della stanza di ospedale, perché lei voleva una pizza a domicilio!



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Quello che accadde dopo colse tutti di sprovvista. Nessuno si era accorto che la stanza di ospedale di Lexi affacciava sulla confraternita Sigma Alpha Epsilon della UCLA. Quando i ragazzi del college hanno notato la sua richiesta, decisero non solo di soddisfarla, ma di fare molto di più.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

La confraternita rintracciò la stanza di Lexi in ospedale e arrivò non solo con una bella pizza fumante, ma anche con chitarre, rose e molto altro ancora.

La mamma ricordando l’evento racconta: “Sono entrati cinque ragazzi e avevano una chitarra e una dozzina di rose e una scatola di pizza. Si presentarono e dissero: Abbiamo visto il tuo segnale; ora siamo qui. Sono rimasti per mezz’ora, hanno cantato e io ho iniziato a piangere, pensando che non poteva essere vero quello che stava succedendo”.

Chase Gasper, membro della SAE, era anche un giocatore della squadra di calcio maschile dell’UCLA. Dopo aver scoperto che il calcio era lo sport preferito di Lexi, è ritornato con altri giocatori e le hanno regalato maglie, t-shirt, cappelli, biglietti.

“Ho inviato un messaggio a tutti i miei compagni di squadra e sono saliti tutti su per farle visita. Tutti quelli che la conoscevano erano davvero commossi. E’ stata un’esperienza incredibile e davvero vogliamo che lei ce la faccia. Quando abbiamo giocato, in campo abbiamo cercato di farlo al meglio. Volevamo vincere per lei e ci siamo riusciti”.

Non è finita qui: durante il fine settimana chiesero alla ragazza di guardare fuori dalla finestra. Avevano scritto il suo nome sopra il tetto con delle luci. Per lei un regalo emozionante.

Purtroppo Lexi non ce l’ha fatta ed è venuta a mancare. Prima della sua morte, però, sono stati raccolti 90mila dollari per la lotta contro il cancro pediatrico. Il padre ha voluto tranquillizzare tutti, sottolineando che Lexi è morta in pace, senza soffrire, sapendo quanto fosse amata!