La sorpresa della polizia per Zachary

Tutti quanti noi, quando eravamo bambini, eravamo davvero eccitati di sapere che stava per arrivare la nostra festa di compleanno. C’erano tutti i nostri amici con cui giocare, i regali, la torta e la maggior parte delle attenzioni erano riservate solamente a noi, cioè i festeggiati. Era davvero bellissimo.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Questo infatti è il caso di un bambino neozelandese, che ha fatto qualcosa che ha lasciato tutti sotto shock a casa sua. La madre ed il padre di Zachary avevano organizzato tutto per il suo compleanno. Avevano anche fatto tutto a tema, cioè tema polizia, visto che il bambino di cinque anni, è follemente innamorato delle forze dell’ordine. Nessuno però, avrebbe mai immaginato, che alla loro porta, si sarebbero presentati proprio loro, i poliziotti. Sarah, la madre, poche ore prima dell’inizio della festa di compleanno, ha scoperto che suo figlio, aveva invitato gli agenti a casa sua, per festeggiare con lui. Proprio per questo, la donna, ha chiamato subito il centralino ed ha detto: “Mi dispiace molto per quella richiesta, ma è mio figlio di cinque anni, che naturalmente credeva che al suo compleanno dovessero venire dei veri poliziotti. Non credevo che potesse mai chiamare!” L’agente, però, con sorpresa ha risposto a Sarah: “Signora, non so se riusciremo a farcela, ma la inserirò comunque tra le richieste del giorno!” Nessuno avrebbe mai immaginato, che alla casa di questa famiglia stava per arrivare una sorpresa davvero incredibile. I poliziotti, quel giorno hanno bussato alla porta di Zachary e quello che è accaduto è stato meraviglioso. Ecco il video della sorpresa di seguito:

I poliziotti, quando hanno sentito della festa di un bambino, non hanno esitato un secondo a realizzare il suo desiderio e sono andati subito li.

Però, oltre ad andare con la macchina, hanno chiamato anche l’elicottero per rendere la sorpresa ancora più eccitante.

Ovviamente Zachary e la sua famiglia sono rimasti molto colpiti da questo gesto e tutt’ora non sanno ancora come ringraziare quegli agenti così speciali.

Storie del genere dovrebbero accadere più spesso!