La storia di Abushe

La storia di Abushe - Il bellissimo bambino dagli occhi blu, condannato ad una dura vita proprio a causa di quegli occhi

Home > Lifestyle > La storia di Abushe

Alcune culture hanno tradizioni e costumi molto interessanti. Viaggiare in tutto il mondo ti permette di scoprire non solo queste cose, ma anche altre particolarità di ogni luogo e della sua gente. A Jinka, a sud dell’Etiopia, vive un bambino di 8 anni di nome Abushe, emarginato dal suo villaggio perché ha una condizione speciale; Ha degli incredibili occhi blu.

Ma questa qualità non è vista bene da molti in Africa, così come gli albini, sono respinti. Abushe ha dovuto vivere fin da giovanissimo con disprezzo da parte della maggior parte delle persone intorno a lui, è continuamente picchiato dai suoi coetanei e non riceve le stesse opportunità degli altri bambini della sua età. Ma Abushe non è maledetto e non ha il male all’interno del suo corpo, ma soffre la sindrome di Waardenburg, che è una malattia genetica che ha donato ad Abushe degli occhi di un azzurro molto speciale, sono molto luminosi. Questa sindrome colpisce solo 1 persona su 300.000, tuttavia, significa anche avere certi livelli di sordità e il rifiuto di molte persone che non capiscono questa condizione. Abushe vive con sua nonna in una capanna fatta di mattoni e legno, è una casa modesta, dopo che la loro casa è stata bruciata e hanno perso tutto. Ora hanno i soldi di base e con il poco che hanno, lo utilizzano perché Abushe possa frequentare la scuola. Quando è nato, i suoi genitori credevano che fosse cieco , tuttavia, non hanno mai cercato un trattamento o alcun tipo di diagnosi a causa della loro precaria condizione finanziaria. Sapevano che non avrebbero mai potuto pagare le spese mediche di Abushe. La sua famiglia non l’ha mai considerato un essere “maledetto” o con difetti, al contrario, ritengono che quegli occhi e la sua condizione in generale siano un “dono di Dio”, perché pochissime persone vengono benedette con un tale dono.

L’unico oggetto di lusso che Abushe ha, è un pallone da calcio rosso. È tutto ciò che è rimasto di quel fuoco. Abushe ama il calcio e cerca di vedere una partita ogni volta che può, ammira Lionel Messi.

“Messi è come me. Non è come gli altri! Sembra sempre sorridente, con quello sguardo e ha un grande sorriso, in grado di catturare chiunque.”

Come è successo con alcune persone che dopo averlo incontrato si sono sentite coinvolte dalla situazione del bambino. Ad esempio il fotografo Eric Lafforgue o il viaggiatore Mike Eloff.

Quest’ultimo racconta sul suo sito web l’esatto momento in cui ha incontrato Abushe e l’impressione che ha avuto dei suoi occhi dal primo momento in cui li ha visti così vicini a lui.


Ha avuto l’opportunità di parlare un po’ con Abushe,il quale gli ha raccontato alcune cose sulla sua vita, in particolare su quanto altri bambini o persone lo infastidiscano per avere quella condizione speciale.

Questo tipo di rifiuto non dovrebbe esistere, tutti gli esseri umani meritano rispetto a prescindere dalla loro condizione, specialmente se si tratta di un bambino con una condizione genetica.

Speriamo che il rifiuto non persegua la sua intera vita. Ogni giorno si sforza di affrontare il dolore che soffre a causa della discriminazione.

La natura, la genetica, le esperienze e i ricordi che puoi trarre dai viaggi in giro per il mondo sono meravigliosi. Spero che il futuro di Abushe sia migliore di quello che deve vivere ora.