La storia di Chelsea

La mamma ha posato per quel servizio fotografico, con i colori dell'arcobaleno, per un significato ben preciso: "mi tremavano le gambe"

Home > Lifestyle > La storia di Chelsea

Chelsea Karr, è una donna di soli venti nove anni, che ha un figlio di tre anni, chiamato Oliver. Nel giugno del 2017, ha scoperto di essere di nuovo in dolce attesa. Sia lei che il marito, erano al settimo cielo e non vedevano l’ora di conoscere la piccola, che avrebbero chiamato Chloe.

la-storia-di-Chelsea

A sole ventiquattro settimane, ad ottobre di quell’anno, però, i medici hanno scoperto che la mamma aveva avuto un distacco della placenta dall’utero e la neonata, non ce l’aveva fatta a sopravvivere. “Quando ho saputo di averla persa, ho perso i sensi. Sembrava che il mio corpo si fosse intorpidito e non riuscivo più a fare nulla. Non vorrei far vivere a nessuno quello che ho passato. Non potevo parlare, non potevo piangere, non potevo fare nulla. Mi sentivo come se una parte di me fosse morta, insieme a mia figlia!” Ha raccontato Chelsea, in un’intervista. Dopo dodici ora da quella scoperta, i dottori hanno fatto nascere la piccola e l’hanno data in braccio alla sua mamma. Due mesi dopo questo tragico periodo, la donna ha scoperto di essere di nuovo in dolce attesa. Per la coppia, era una bellissima notizia, ma nonostante tutto, entrambi hanno deciso di non farsi prendere troppo dall’entusiasmo, visto che avevano perso da poco la loro bambina. “Ho sofferto di stress post traumatico. Ad esempio, ogni notte non riuscivo a dormire bene, poiché avevo il terrore che potesse accadermi di nuovo una tragedia simile.” Ha continuato il suo racconto Chelsea.

la-storia-di-Chelsea 1

A trentatre settimane, ho deciso di ingaggiare un fotografo, per fare un servizio. “Per me era un modo per poter annunciare di nuovo ai miei amici che ero di nuovo incinta.” Ha concluso la donna.

la-storia-di-Chelsea 2

Ha deciso di fare un servizio fotografico arcobaleno, ciò vuol dire che una mamma che aspetta un figlio, ma che in passato ne ha perso un altro.

la-storia-di-Chelsea 3

Per Chelsea e la sua famiglia, è stato un modo importante per tenere viva la memoria della piccola Chloe.

la-storia-di-Chelsea 4

La storia di questa donna è stata condivisa ovunque e per lei, è stato bellissimo, visto che in molti si sono aperti sulle perdite dei loro bambini.

Potete leggere anche: Quando tornano a casa rimangono sorpresi

Fonte: People