La storia di Riley, la bambina pinocchio

“Mi chiamo Lynette Renner, nel 1998, ho dato alla luce la mia bambina Riley, cinque settimane prima del termine. Il parto è andato benissimo, mia figlia è nata sana, i medici hanno notato solo un piccolo segno rosso sul suo nasino, ma niente di allarmante. Come di prassi, dopo un paio di giorni, ci hanno rimandato a casa.

Dopo un paio di settimane però, mi sono resa conto che il naso di mia figlia cresceva sempre di più e diventava sempre più rosso. L’ho portata in ospedale per farla controllare e davanti alle parole dei medici sono rimasta pietrificata. Le hanno diagnosticato un emangioma benigno. Si trattava di un accumulo di vasi sanguigni compressi. Al posto del naso aveva una pallina che diventava sempre più grande e alla fine, per via del suo peso, le fini per penzolare sul labbro. Mi dissero che nella maggior parte dei casi l’emangioma si sarebbe ritirato da solo, ma non avevano mai visto un caso come quello di mia figlia. I vasi sanguigni erano coinvolti e l’operazione avrebbe comportato una grande perdita di sangue, che avrebbe potuto anche compromettere la sua vita. Ma non era finita qui, se invece non l’avesse rimosso, avrebbe potuto continuare a gonfiarsi e causarle altre gravi complicazioni. Alla fine il medico ha deciso di farla rimanere così per qualche anno prima di procedere con l’operazione, così che sarebbe stato meno pericoloso.

Dopo qualche anno, hanno sottoposto la mia bambina all’intervento e per fortuna tutto è finito bene.


Oggi Riley ha un naso normale, non deve più preoccuparsi di essere continuamente osservata ed è felice.”

Vi lasciamo al video della sua trasformazione: