La sua risposta è perfetta!

Una delle incombenze quotidiane che nessuno vorrebbe fare, è sicuramente quella di andare a fare la spesa, sopratutto se si hanno dei bambini piccoli, dato che molte volte diventano capricciosi o si allontanano e diventa difficile tenerli a bada. Nonostante ciò, anche se i nostri bambini a volte ci fanno innervosire, è buona abitudine non mancare di rispetto agli altri per le nostre frustrazione.


Tuttavia, in un supermercato americano è successo qualcosa che vogliamo raccontarvi. Andy Ross è il protagonista e ha raccontato la storia sul proprio profilo Facebook, sperando di dare una lezione di vita a tutti quelli che lo leggessero. Andy racconta di essersi recato al supermercato dopo il lavoro, vestiti sporchi e tatuaggi in bella vista. Il suo aspetto ha attirato lo sguardo di una ragazzina che lo fissava di continuo. Uscendo dal negazio, la madre della piccola di 7-8 anni, ha deciso di dare una lezione di vita a sua figlia dicendole: “Ecco perché tu devi andare a scuola.” Andy ha deciso di rispondere alla madre su Facebook.

Innanzitutto, sono un uomo sporco ma istruito. Non solo ho un diploma, ma anche una laurea e diversi attestati. Quindi, dedurre che io non sia istruito solo per via del mio aspetto è da ignoranti. In secondo luogo, se dici a tua figlia che deve continuare a studiare perché io ho le braccia ricoperte di tatuaggi, questo potrebbe sopprimere la sua creatività e la sua immaginazione. Sono orgoglioso dei miei tatuaggi e delle opere d’arte che Forrest Bateman ha disegnato sul mio corpo. Rappresentano l’orgoglio che provo per il mio paese, per le missioni di guerra e le operazioni speciali alle quali ho preso parte. In terzo luogo, se ti riferivi al cappello, sono felice di indossarlo perché rappresenta un’alce, ma potresti non capirlo. Guarda caso, sono comproprietario di EvergreenStates Outdoors e sono orgoglioso di avere un’azienda di outdoor. Infine, ho scelto di lavorare nell’industria edile. Sono orgoglioso di contribuire alla costruzione dell’America e ogni giorno amo il mio lavoro. Ho provato a svolgere un lavoro d’ufficio, ma non faceva per me. Mi piace lavorare con le mani e stare all’aria aperta. Di conseguenza, a volte mi capita di essere sporco. Guadagno bene, ho dei benefit e riesco a mantenere la mia famiglia senza problemi. Quindi, il mio aspetto fisico non riflette il mio livello d’intelligenza o l’istruzione che possiedo.”

 Alla fine Andy ha salutato la madre dicendo di non giudicare il prossimo dall’apparenza.

Non si possono dedurre la personalità, l’intelligenza, l’onestà o il grado di istruzione di una persona dall’apparenza.

Quel giorno al supermercato Andy ha insegnato a madre e figlia una bellissima lezione: una persona sporca e con il corpo ricoperto di tatuaggi può anche essere istruita, onesta e non per forza povera.

Ditelo anche ai vostri figli!