La teoria dello specchio: ferite che formano e rompono le relazioni

Ecco cosa dobbiamo sapere.

Home > Lifestyle > La teoria dello specchio: ferite che formano e rompono le relazioni

Cosa succede quando ci connettiamo con un’altra persona e poi all’improvviso scopriamo che non era la persona giusta? Ce lo spiega la teoria dello specchio di Jacques Lacan: l’autore ci dice che la costruzione della nostra identità personale avviene con la cattura di noi stessi negli altri, con riflessioni e proiezioni di aspetti della personalità che ci piacciono o non ci piacciono.

 

Cosa dice la teoria dello specchio? Quando ci guardiamo allo specchio ci sono aspetti del corpo e dell’immagine che non ci piacciono. Ma anche aspetti della personalità che non amiamo e lo capiamo nelle riflessioni che facciamo negli altri. Tutto avviene nel nostro inconscio. Noi proiettiamo constantemente una parte di noio stessi negli altri: la teoria dello specchio ci consente di mettere a fuoco quello che non ci piace non solo di chi abbiamo di fronte, ma anche di noi stessi.

Negli altri, con le relazioni che abbiamo intrecciato, possiamo rivedere noi stessi. L’altro è semplicemente uno specchio che ci dà la possibilità di incontrarci.

La teoria dello specchio può agire in modo diretto o indiretto. Immaginatevi di non poter sopportare l’egoismo di chi avete di fronte: in modo diretto potreste proiettare in lui quella parte di voi che è egoista e che rifiutate. Agendo in senso contrario, invece, potremmo vedere in questa mal sopportazione del suo egoismo il fatto che noi, invece, ci concentriamo poco sulle nostre esigenze.

Non dimentichiamoci, poi, che le ferite emotive, quelle che ci portiamo dentro e che ci portano ad agire in un certo modo, cominciano a influenzarci in maniera così forte e anche così subdola, perché non ce ne accorgiamo. Queste stesse ferite potremmo proiettarle nella persona che abbiamo di fronte: capita infatti che due persone che hanno sofferto molto per amore finiscono per incontrarsi e capire che l’amore può anche essere bello e non solo sofferenza.

Ma attenzione, perché le ferite che uniscono, poi possono anche separare.

Bisogna prima guarire le ferite altrimenti alimenteranno incertezze, paure, gelosie, possessione, insicurezze.