La vera essenza dello yoga spiegata attraverso la fotografia

I meravigliosi scatti di Michael O'Neill

 

Il fotografo Michael O’Neill è diventato famoso per essere diventato nel tempo il grande ritrattista delle celebrities: da Andy Warhol al Dalai Lama, tantissimi i volti passati sotto la sua grande arte e pubblicati sulle migliori riviste come New York Times Magazine e Rolling Stone.

la-he-taschen-yoga-pg-20151208-006
On yoga – Michael O’Neill

Recente è la sua raccolta davvero voluminosa intitolata On yoga destinata a essere ricordata come uno dei suoi più importanti lavoro: una successione infinita di pose di pace dove il fotografo cerca, attraverso i suoi meravigliosi scatti, di spiegare la vera essenza dello yoga.

la-he-taschen-yoga-pg-20151208-007
On yoga – Michael O’Neill

Per lungo tempo (quasi 10 anni) O’Neill ha osservato molto da vicino il mondo dei cultori dello yoga regalandoci così degli scatti destinati a celebrare non i personaggi che la praticano così bene, ma la stessa disciplina in sé, al tempo stesso filosofia di vita e anche vero sport.

Dice O’Neill: “Tutto ciò che volevo era rendere omaggio all’antica pratica dello yoga e comprendere questo momento unico di pace prima che svanisca”, un vero e prezioso omaggio a quella che lui stesso ha definito “l’architettura della pace“, ovvero tutte quelle pose che permettono di avvicinarsi in qualche modo all’infinito.

la-he-taschen-yoga-pg-20151208
On yoga – Michael O’Neill

E così possiamo osservare monaci che meditano sugli altopiani del Tibet, ballerine impegnate in pose che tolgono il fiato in contesti metropolitani, ragazzini intenti a praticare la Mallakhamba sui campi da wrestling e tanti altri ancora.

Il libro, che raccoglie 200 fotografie di grande impatto visivo, è disponibile in Italia già dal 28 settembre, “Sullo yoga. L’architettura della pace”.

la-he-taschen-yoga-pg-20151208-013
On yoga – Michael O’Neill
yoga
On yoga – Michael O’Neill
larger
On yoga – Michael O’Neill