L’addio al piccolo Charlie, volato in cielo troppo presto

Con un commovente post, questa mamma dice addio al suo piccolo Charlie.

Home > Lifestyle > L’addio al piccolo Charlie, volato in cielo troppo presto

Il bellissimo bambino che vedete in queste immagini, si chiamava Charlie Proctor e viveva nel Lancashire, in Inghilterra. Purtroppo la scorsa settimana, è volato in cielo, all’età di quasi cinque anni, a causa di un epatoblastoma. Si tratta di un tumore canceroso piuttosto raro. A voler raccontare la sua storia, è stata la sua mamma, con la speranza di mantenere sempre vivo il ricordo del suo bambino.

La donna ha scritto un post commovente su Facebook, con il quale ha dato l’addio al suo bambino: “questa notte, durante il sonno, Charlie è morto coccolato tra le mie braccia e avvolto in quelle di suo padre, che stringeva me e lui. Erano le 23:15, quando il mio dolce bambino ha esalato il suo ultimo respiro. Il nostro dolore è immenso, nostro Signore si è ripreso il suo angioletto. Tu non sei stato solo una fonte di ispirazione per noi, ma lo sei stato per migliaia di persone in tutto il mondo. Mi hai mostrato cosa significa davvero l’amore. Ora è tempo di volare e io sono orgogliosa di te. Hai combattuto così tanto. Mi mancherai per sempre e il dolore sarà lì con me, immutabile. Sogni d’oro amore mio”. Questo post è stato accompagnato da una foto felice, in uno dei momenti più belli che hanno trascorso insieme. Pochi giorni prima della triste notizia, questa mamma aveva condiviso un altro post, in cui diceva che la salute di suo figlio stava peggiorando: “Con il passare dei giorni va sempre peggio. Non sembra nemmeno più il mio Charlie, non gli nemmeno somiglia più. E’ così magro che posso sentire ogni osso del suo piccolo corpicino. Il suo viso è infossato, i suoi occhi roteanti. Dov’è finito il mio bambino?

E’ triste, stanco, so che non ce la fa più. ‘Non so più cosa fare’, sono le parole che ogni giorno mi ripete. Oggi, in particolare, è molto agitato. Vuole sdraiarsi, poi vuole stare seduto. Vuole il letto, poi la poltrona e poi il divano. La cosa che più mi ha straziato, è stata che ad un certo punto il mio Charlie si è voltato verso di me e mi ha detto: mamma mi dispiace tanto per tutto questo. Il mio cuore si è spezzato.

Nessun bambino merita di provare ciò che mio figlio sta provando adesso. Nessun bambino! Non è giusto! Nessun genitore dovrebbe vedere la vita portate lentamente via suo figlio.

Mi mancano le chiacchierate con lui. Mi manca quella coccola che non gli causa dolore quando gliela faccio. Mi manca stringerlo e baciarlo dappertutto. Mi manca il suo sorriso, perché so che non lo rivedrò più, se non in foto. Non sentirò mai più Charlie ridere di nuovo. Tenete i vostri figli stretti a voi. Coccolateli e baciateli ogni volta che potete. Non vi rendete conto di quanto siete fortunate. Diamo tutti la vita per scontata”, è così che la donna conclude il suo post.

Parole strazianti, ma vere, che ci lasciano una lezione molto importante.

Questo tumore purtroppo colpisce i bambini intorno ai tre anni e Charlie lo combatteva da due. Inizia nel fegato e poi si espande. Ciao piccolo angioletto, adesso non soffrirai più. Aiuta i tuoi genitori da lassù e proteggili sempre. RIP piccolo dolce Charlie.

Leggete anche: Elena Santarelli sul tumore del figlio Giacomo: “Le cure vanno bene. Non è una disgrazia, ma una fase della vita”