Ladro ruba le medicine a un ragazzino malato di cancro

È un fenomeno in crescita quello dei pacchi rubati. Questa volta, però, il furto riguarda dei medicinali preziosi per un ragazzino malato.

Home > Lifestyle > Ladro ruba le medicine a un ragazzino malato di cancro

I ladri di pacchi sono diventati molto comuni. Un fenomeno in crescita che desta allarme. Ci sono persone che in America, infatti, rubano le scatole che Amazon o altri grandi e-commerce lasciano davanti alle porte di ingresso delle case o dei porticati. La storia che vi raccontiamo oggi, però, è davvero straziante. A finire nel mirino di un ladro sono state le medicine di un ragazzino malato di cancro.

Di solito questi ladri si portano a casa un bottino fatto di regali di compleanno spediti da persone care, cibo per cani, magari la spesa del giorno o altri oggetti con un valore più o meno alto ordinati dai legittimi proprietari in rete. Il ladro di questa storia ha rubato però qualcosa di molto più prezioso. Qualcosa che potrebbe rappresentare una questione di vita o di morte per un ragazzino di soli 14 anni. Gage Haynes vive a Summerlin, nel Nevada. Soffre di una rara forma di cancro chiamata mastocitosi sistemica. Ha trascorso la maggior parte della sua vita dentro e fuori da un ospedale, lottando per trovare dei trattamenti che potessero farlo stare bene. Recentemente il ragazzo e la madre Shakala hanno trovato la risposta alle loro preghiere. Si chiama Rydapt ed è una nuova medicina chemioterapica. Il ragazzino prende 8 pillole al giorno. E sta meglio. I suoi sintomi sono più lievi rispetto a prima. Così ha ricominciato ad andare a scuola e a studiare. Ottenere questa medicina non è stato facile. Costa 40mila dollari al mese, perché non è approvato dalla FDA per nessuno al di sotto dei 18 anni.

A febbraio del 2019 un uomo senza scrupoli viene immortalato dalla videocamera di sorveglianza mentre in pieno giorno ruba due pacchi dal loro portico.

Portandosi via proprio le scatole contenenti la medicina costosa di Gage.

Ora il ragazzino ha voluto condividere la sua storia, supplicando quell’uomo di restituirgli quello che è suo!