Le mete del mondo che dovremo visitare almeno una volta nella vita

Sì, viaggiare...

Home > Lifestyle > Le mete del mondo che dovremo visitare almeno una volta nella vita

Che bello viaggiare! Non è vero che solo l’estate è la stagione deputata per partire per brevi o lunghe trasferte in giro per l’Italia o per il mondo: tutto l’anno è perfetto per programmare, organizzare, partire… Già, ma dove andare? Ognuno di noi ha delle mete nel cuore che vorrebbe visitare prima o poi. E poi ci sono dei luoghi del mondo che tutti dovremmo vedere almeno una volta nella vita: DOVE ha selezionato 10 destinazioni da raggiungere e da visitare. Siete pronti a partire per un giro del mondo virtuale? Almeno per il momento.

Il nostro viaggio nelle mete del mondo che non possiamo assolutamente perdere nella vita parte dall’Australia, dalla città di Melbourne, che anche quest’anno ha vinto la classifica delle città più vivibili al mondo: perché non provare questa emozione? Passiamo ora in California, per un viaggio on the road negli States, che non può mancare nel nostro curriculum.

Meta insolita e non proprio battutissima, che ne dite di una bella passeggiatina in Antartide? Sì, lo sappiamo, non è un viaggio usuale, ma potrebbe essere un’ottima scelta per stupire tutti e per foto mozzafiato. E se vi piace fotografare panorami che lasciano senza parole, che ne dite delle Isole Faroe?

Cambiamo genere e andiamo nella Thailandia del Nord: quando pensiamo al paese asiatico, di solito pensiamo alle spiagge, ma la parte settentrionale dello stato, invece, offre un ottimo spunto di partenza per chi è alla ricerca di se stesso e della spiritualità. Sempre per viaggi interiori, che ne dite dell’India e della città santa di Varanasi?

E ancora, che ne dite di visitare, almeno una volta nella vita, il Messico e la Giamaica? Sicuramente le temperature sono spesso piacevoli, per viaggi dall’altra parte dell’Oceano.

Infine, Africa e Giappone, alla scoperta del Continente Nero e del dualismo che caratterizza il paese asiatico tra tradizione e modernità!

Fonte: Corriere