Mamma dà alla luce due gemelli sani, ma poi il dottore le chiede scusa

Ecco la loro storia.

Una mamma inglese un giorno scoprì che avrebbe avuto un altro bambino. Lei e il marito erano al settimo cielo: Nicola e Todd Bailey avevano già un figlio, Luca, e volevano allargare un po’ la loro famiglia. Quando hanno scoperto di essere in dolce attesa, non vedevano l’ora di diventare quattro. Ma quando andarono dal medico scoprirono che in realtà nel grembo della mamma c’erano due bambini!



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

In occasione dell’ecografia alla 12esima settimana, Nicola e Todd scoprirono che sarebbero arrivate due gemelle.

L’ecografia non mostrava segni di malattie, quindi il dottore li rassicuro che non c’erano anomalie nelle gemelle.

La gravidanza continuò nel migliore dei modi, senza complicazioni. Ma quando sono venute al mondo, tutto è crollato.

A 33 settimane di gravidanza Nicola era pronta a partorire: è arrivata in ospedale già in travaglio.

Il parto andò alla perfezione. Fu Harper a venire per prima al mondo. Meno di 40 minuti dopo arrivà anche Quinn. Subito le due bambine sono state sottoposte ad esami e a un certo punto il dottore entrò nella stanza per chiedere scusa a Nicola.

Harper era nata con la Sindrome di Down.

Il dottore le spiegò tutto quanto, ma Nicola riuscì a sentire solo le scuse del dottore. Quando le vide, però, vide solo due splendide bambine, assolutamente perfette. E non capiva perché il medico si dovesse scusare, sperando che un giorno anche le altre persone potessero vedere quello che vedeva lei: la perfezione.

Oggi la famiglia Bailey è felicissima: le bambine crescono insieme al fratello maggiore e sono adorabili. Mamma e papà, però, si sforzano anche di eliminare tutte le false credenze che ancora circolano sulla Sindrome di Down.

Nicola non cambierebbe nulla della sua dolce Harper, non la cambierebbe per nulla al mondo. Ma quello che le fa male è vedere come la gente la guarda quando vanno in giro ed è per questo motivo che ha deciso di dedicare ogni giorno a sensibilizzare le persone!