Mamma fa una foto al figlio e la zia nota che nell’immagine c’è qualcosa di strano

Quante foto facciamo ai nostri bambini? Una mamma ha ritratto il figlio e la zia ha notato che c'era qualcosa che non andava.

Home > Lifestyle > Mamma fa una foto al figlio e la zia nota che nell’immagine c’è qualcosa di strano

Un giorno Tina Treadwell ha deciso di scattare delle foto del figlio Taylor, da inviare alla zia. Sperava di poterle inviare a un’agenzia per baby modelli. Queste immagini, però, sono state molto più utili. Perché hanno salvato la vita del povero Taylor. Da un dettaglio presente in ogni scatto, infatti, si è scoperto che il piccolo aveva il cancro.

La mamma era così orgogliosa di quegli scatti, che ha subito voluto condividerli con Geraldine, la zia del piccolo. E questa è stata una fortuna. La sorella della mamma ha subito notato che c’era qualcosa che non andava nel suo adorato nipotino.

Zia Geraldine ha notato come un’ombra nell’occhio di Taylor, che aveva 3 anni. Di recente aveva letto una storia che individuava in quel segno la presenza di un tumore negli occhi.

Dopo gli avvertimenti di Geraldine, i genitori di Taylor lo hanno subito portato dal dottore. E quest’ultimo ha confermato i sospetti della zia.

Taylor ha ricevuto una diagnosi terribile. Soffriva di un raro cancro infantile agli occhi, il retinoblastoma. È una forma di cancro oculare molto aggressivo e mortale e colpisce soprattutto i bambini piccoli. Può crescere velocemente, ma se diagnosticato in tempo si pò salvare la vita al bambino.

Taylor è stato subito sotto posto a un trattamento per salvargli la vita. Compresa la chemioterapia. Andando a riguardare le vecchie foto di Taylor, la mamma si è accorta che quel bagliore era presente sin da quando aveva pochi giorni. L’aveva notato già, ma pensava fosse un problema di flash e non un motivo di preoccupazione.

Il retinoblastoma, invece, si può scoprire con un semplice scatto fotografico. Se un’ombra appare nell’occhio, allora è meglio portare il bambino dal medico. Ora Taylor è il testimonial di una campagna per avvertire tutti i genitori dei rischi che corrono se non individuano in tempo questa rara forma di cancro infantile.