Mobbing sul lavoro, cosa fare

Mobbing sul lavoro, cosa fare

Mobbing sul lavoro, cosa fare? Se in ufficio cercano in tutti i modi di metterci i bastoni tra le ruote, ecco come possiamo difenderci

Mobbing sul lavoro, cosa fare? Purtroppo capita di essere sottoposti a stress estremo sul posto di lavoro, con il capo e i colleghi che fanno di tutto per renderci la vita impossibile. Quello che possiamo fare è non perderci d’animo e far valere i nostri diritti a essere trattati con dignità.

Mobbing sul lavoro

Il mobbing sul lavoro è un fenomeno che, purtroppo, è in costante crescita. Viviamo in una società dove all’individuo viene chiesto sempre di più e nella quale non si guarda in faccia nessuno pur di far carriera. Altruismo, collaborazione e aiuto reciproco sembrano essere parole sparite dal vocabolario presente in ogni ufficio.

Cos’è il mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob”, che significa assalire, molestare. Con questa parola, a livello internazionale, si indicano tutti quei comportamenti violenti che un gruppo ha verso uno dei suoi membri. Sul posto di lavoro è quel clima di terrorismo psicologico che si manifesta con vessazioni, aggressioni, dita puntate contro da parte di capi e colleghi. Si parla di bossing quando sono solo i capi a farlo, mentre mobbing è un termine più generico.

Il mobbing nasce perché oggi nel mondo del lavoro i livelli di competizione tra colleghi hanno raggiunto livelli tali da creare situazioni nelle quali lavorare sembra impossibile, difficile, duro. E non c’è nessuno che fa niente per fermare chi si macchia di tutto questo. Anche per paura di ritorsioni o per scarso interesse verso l’altro, in questo caso i colleghi messi in difficoltà.

Mobbing sul lavoro, cosa fare

Come riconoscere il mobbing

Non sempre è facile, purtroppo. Chi lo subisce viene aggredito da comportamenti che mirano a destabilizzare la persona in quanto tale e in quanto professionista, con rapporti conflittuali, isolamento, emarginazione. Fatti che si protraggono nel tempo, che diventano sempre peggiori, che hanno lo scopo di neutralizzare il collega e la sua fiducia nelle proprie capacità.

Le conseguenze del mobbing riguardano chi ne viene colpito, così come l’azienda. Perché un luogo di lavoro dove c’è mobbing, non sarà mai sereno e quindi produttivo. Chi viene preso di mira soffre di ansia, stress, palpitazioni, tremori, problemi di respiro, sudorazione fredda, dermatite, mal di testa, gastrite, disturbi del sonno, difficoltà a concentrarsi e svenimenti.

Cosa fare

In Italia non ci sono centri che possano essere d’aiuto. Chi lo subisce può rivolgersi ad amici, parenti e colleghi. Non esiste nemmeno una legge ad hoc, però il mobbing può entrare in altre categorie di reato, come abuso d’ufficio, lesioni personali, atti persecutori, diffamazione, abusi, minacce, molestie. E bisogna sempre denunciare.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Un'ufficiale militare di 19 anni ha sposato un uomo di 42 anni più grande

Un'ufficiale militare di 19 anni ha sposato un uomo di 42 anni più grande

Mamma furiosa quando i medici chiedono alla figlia malata di 11 anni di fare un test di gravidanza

Mamma furiosa quando i medici chiedono alla figlia malata di 11 anni di fare un test di gravidanza

L'ultimo numero del tuo anno di nascita dice molto di te

L'ultimo numero del tuo anno di nascita dice molto di te

Il gesto meraviglioso di Matthew Resendez

Il gesto meraviglioso di Matthew Resendez

Il testamento di Holly Butcher

Il testamento di Holly Butcher

10 oggetti fantastici da comprare per una festa di addio al nubilato

10 oggetti fantastici da comprare per una festa di addio al nubilato

Scegli una pietra e ricevi un messaggio

Scegli una pietra e ricevi un messaggio