I modi in cui inconsapevolmente distruggi tuo marito e il matrimonio

Forse è meglio prestare più attenzione.

Home > Lifestyle > I modi in cui inconsapevolmente distruggi tuo marito e il matrimonio

Lo sapete che spesso adottiamo dei comportamenti inconsapevoli che mettono a rischio il nostro matrimonio? Noi non ce ne rendiamo conto, anzi, ci chiediamo come possa essere successo che il grande sogno d’amore si è spento così in fretta. Ma in realtà ci sono dei comportamenti che mettiamo in atto, senza accorgerci, che possono uccidere il matrimonio.

Ci sono principalmente 5 modi con cui possiamo rovinare il matrimonio inconsapevolmente: meglio ragionarci su!

1 Vivere al di là delle nostre possibilità

Questo è sempre un errore. A meno di non essere Paperon de Paperoni, con le finanze dobbiamo sempre fare molta attenzione. Quando viviamo in coppia la cosa si fa ancora più delicata. Inutile sognare cose che non potremmo mai permetterci, ma cerchiamo di godere di quello che abbiamo e che possiamo esaudire. Che poi la felicità non passa attraverso le cose materiali, non dimenticatelo.

2 Negatività

La negatività uccide ogni cosa, anche il matrimonio. Lamentarsi sempre di tutto rovina i rapporti: se appena il partner entra in casa non fate altro che brontolare perché sembra che nulla sia al suo posto, a lungo andare potrebbe stancarsi di questo atteggiamento logorante. Le lamentele non portano mai da nessuna parte. Rimboccatevi le maniche, piuttosto!

3 Mettere prima di lui tutto il resto

I figli, la mamma, i migliori amici, il lavoro, i colleghi: tutti vengono prima del partner. Così gli stiamo dicendo che per noi lui non è assolutamente importante.

4 Trattenersi dall’affetto fisico

L’intimità e la fisicità sono molto importanti in un rapporto d’amore. Gli uomini hanno bisogno di contatto fisico. Il sesso è altrettanto importante.

5 Non parlare la sua lingua

Donne e uomini sono tanto diversi, così tanto che a volte parlano lingue diverse. Ma la comunicazione è fondamentale in un rapporto. Cerchiamo di essere chiare, di parlare senza quell’alone di mistero che a noi donne piace tanto!