Nessuno fa entrare l’uomo: l’autista fa salire solo lui

Una storia che ritorna a circolare in rete, è quella di un uomo disabile e un autista di un bus.

Home > Lifestyle > Nessuno fa entrare l’uomo: l’autista fa salire solo lui

L’ autista di un bus, una volta arrivato in prossimità di una fermata, ha fatto scendere tutti i passeggeri una volta che si è accorto che nessuno dei presenti si era scansato per far entrare l’uomo disabile su una sedia a rotelle.

Questa vicenda è stata raccontata più volte sui vari siti online, è accaduto a Parigi. L’immagine dell’uomo sulla sedia a rotelle e poche righe che descrivono l’accaduto, sono state condivise migliaia di volte sul web e sui social.

“Dopo che nessuno ha fatto salire l’uomo, l’autista ha gridato ‘Scendete tutti’, poi rivolgendosi all’uomo ha detto ‘Lei può salire, gli altri si mettano dietro‘”, recita il post.

In molti hanno apprezzato il gesto dell’autista che ha voluto dare una bella lezione a tutti i passeggeri dimostrando che nel 2019 esiste ancora l’inciviltà e ci ha fatto riflettere sui numerosi disagi che vivono ogni giorno le persone con ridotta mobilità.

L’uomo nella foto ha preferito rimanere anonimo ma ha confermato quando gli è accaduto, si trovava a Clichy, nel 17° arrondissement, il 18 ottobre dello scorso anno. Ha poi raccontato di soffrire di sclerosi multipla primariamente progressiva. “Stavo aspettando l’autobus con mio fratello e quando è arrivato nessuno voleva spostarsi per farmi salire, nonostante il mezzo fosse abilitato per il trasporto dei disabili”.

Ed ha continuato: “Quando l’autista si è reso conto si è alzato e ha invitato tutti a scendere. Ha detto che l’autobus era arrivato al capolinea e che il prossimo sarebbe passato dopo cinque minuti”.

Il conducente si è avvicinato all’uomo in carrozzina: “Ci ha detto che tutti un giorno potrebbero aver bisogno di una carrozzina e ci ha fatto salire, lasciando a terra gli altri”.

Questo episodio di inciviltà è stato condiviso anche dall’associazione “Accesible pour tous”, che si occupa, appunto, di garantire ai disabili una vita tranquilla e senza ostacoli.