Non ci sono parole

Home > Lifestyle > Non ci sono parole

Un bambino Americano di Portland, è morto tragicamente, dopo una battaglia con un batterio mangia-carne. Sarah Herbar, sua madre adesso ha trovato il coraggio di raccontare la storia che le ha distrutto la vita, sopratutto perchè la donna, vuole che incidenti come quello che ha subito suo figlio non accadano più.

Liam Flanagan, 8 anni, era sulla sua bicicletta nel vialetto di casa della sua famiglia, a Pilot Rock nello stato dell’Oregon, quando è caduto, e si è ferito una coscia vicino all’inguine. La madre lo ha immediatamente soccorso e portato al vicino ospedale di Pendleton, dove la ferita è stata ricucita con 8 punti di sutura. La donna era convinta che fosse finita li, ma nei giorni successivi, il ragazzino continuava a lamentarsi per il dolore. All’inizio la donna ha provato a curare il figlio con analgesici e antidolorifici, ma la situazione invece di migliorare, è peggiorata. Liam è stato trasportato nuovamente all’ospedale dove ha subito un operazione d’urgenza. Quindi è stato trasferito in aereo al Doernbecher Children’s Hospital di Portland dove ha subito altre operazioni. I batteri mangia-carne, prolificano molto velocemente e i medici hanno fatto di tutto per rimuoverli dai tessuti che andavano dalla caviglia fino all’ascella. Sua madre non si da pace:

“non sembrava un grosso problema. Non stava male. Ha avuto solo bisogno di qualche punti, tutto qui “.Flanagan è morto domenica.

“Vorrei dire a tutti voi, uno per uno, di abbracciare stretti i vostri figli perché non sai mai quanto velocemente possano andare via,

e poi prestare attenzione a loro e non dare mai per scontato che quello che può sembrare un semplice incidente in realtà potrebbe essere qualcosa di peggio”

.”Ed è necessario diffondere consapevolezza perché la gente spesso non conosce situazioni come questa. Io stessa non ne avevo mai sentito parlare prima d’ora”. Queste le parole della madre con il cuore a pezzi.