Parlare da soli, un segno di buona salute psicologica

Le persone che parlano da sole non sono pazze! Sono intelligenti e godono di un'ottima salute.

Home > Lifestyle > Parlare da soli, un segno di buona salute psicologica

Le persone che parlano da sole non sono pazze! Sono intelligenti e godono di un’ottima salute. Frequentemente parlare da soli viene associato alla pazzia ma, al contrario, ha i suoi vantaggi.

 

 

Parlare da soli è qualcosa che abbiamo erroneamente associato alla follia e all’anormalità. Abbiamo l’idea che il linguaggio serva a comunicare con gli altri e che quando il discorso non è diretto a qualcuno è un segno di sofferenza da un disturbo mentale.

Tuttavia, quasi tutti noi lo facciamo, almeno quando siamo soli e non ci sono altre persone intorno che possono sentirci.

Parlare da soli è normale

In psicologia, parlare da solo è chiamato discorso auto-diretto , discorso privato o discorso egocentrico nei bambini.
Secondo Lev Vygotsky (1962), specialista in psicologia dello sviluppo, questo tipo di discorso fa parte di un processo naturale. Uno degli aspetti che forse distinguono i bambini e gli adulti non è la presenza o l’assenza di questo tipo di discorso, ma con il passare del tempo normalmente il discorso privato viene ridotto e diventa interiorizzato per costituire un discorso interno o un pensiero verbale, che di solito include i sussurri e le parole borbottate, invece di una voce forte.

Il linguaggio privato migliora la nostra comprensione

Uno degli effetti positivi del parlare da solo è che l’atto del parlare richiede la trasformazione dell’informazione e l’organizzazione in un monologo o in una forma di dialogo e quindi il linguaggio interno è uno strumento che ci consente di elaborare le informazioni in un modo da renderle più tangibili e gestibili per noi stessi. Inserendo le informazioni del nostro contesto e dei nostri pensieri a un livello abbordabile per le nostre possibilità, ci consente una migliore comprensione, un dominio e prestazioni migliori nelle nostre azioni.

Ci aiuta a organizzare il nostro modo di pensare

Parlare da soli anticipa l’azione, pensiamo prima di fare qualcosa e acquisiamo la capacità di pianificare.

Aumenta la nostra consapevolezza

Questo processo di discorso direttivo inizia quando abbiamo circa due anni, ma poi siamo solo in grado di rispondere al linguaggio degli altri, che sono quelli che dirigono le nostre azioni. A poco a poco continua a svilupparsi fino a quando, a cinque anni, siamo in grado di rispondere anche alle nostre verbalizzazioni, potendo iniziare ad autoregolarci da soli. Quel ruolo che gioca nella nostra capacità di autoregolamentazione, ha un impatto su un altro livello: quello della coscienza. Comprendendo meglio le informazioni che elaboriamo mentalmente e avendo maggiore controllo su come pianifichiamo il nostro comportamento, diventiamo più consapevoli di quali sono i nostri pensieri. In effetti, una tecnica in terapia è l’uso di auto-istruzioni, che consiste nel ripetere a noi stessi diversi messaggi interni per autoregolare il nostro comportamento, ridurre la nostra ansia o motivarci.

Migliora la nostra attenzione

Questi discorsi che facciamo a noi stessi, quindi, ci aiutano a dirigere consapevolmente il nostro comportamento e a migliorare la nostra attenzione e le prestazioni della memoria di lavoro. Questo tipo di memoria è a breve termine ed è quella che ci aiuta a svolgere le attività e a conservare le informazioni necessarie durante tale processo.
Questo si basa sul ruolo direttivo del linguaggio sulla cognizione, sul comportamento e sulla sua funzione di rinforzo esterno che ci aiuta a mantenere il controllo inibitorio, cioè a gestire le distrazioni e gli stimoli irrilevanti, e quindi aiutarci a mantenere la nostra attenzione. Questo è il motivo per cui, quando dobbiamo ricordare un numero di telefono, tendiamo a ripeterlo ad alta voce diverse volte , in modo da mantenere la nostra attenzione su ciò che stiamo cercando di imparare.

Facilita l’apprendimento

Inoltre, il fatto di verbalizzare ciò che vogliamo imparare rende più facile ricordare, fornendo al nostro cervello un nuovo percorso sensoriale che viene aggiunto alla memoria. Ad esempio, leggiamo una frase e la pronunciamo ad alta voce, è più probabile che la ricordiamo.
In realtà, si dice che non c’è modo migliore per imparare qualcosa che cercare di spiegarlo ad un’altra persona, e in questo caso è spiegarlo a noi stessi. Questo perché favorisce la comprensione e la memoria e ci consente anche di individuare le strategie che portiamo a termine con successo e quali difficoltà incontriamo nel risolvere determinati problemi.

Aiuta a risolvere i problemi

A volte, ci sorprendiamo parlando a voce alta quando eseguiamo un compito complesso o quando incontriamo difficoltà in quello che stiamo facendo. In effetti, diversi studi hanno dimostrato che più difficoltà troviamo in ciò che dobbiamo risolvere, più ricorriamo all’uso del linguaggio come strategia per facilitare la sua risoluzione.
Questo perché il discorso parlato è uno strumento per pianificare, guidare e dirigere l’attività nella soluzione dei problemi, e ha la capacità di organizzare, eseguire e valutare il nostro comportamento e il funzionamento cognitivo.
Quando i problemi che affrontiamo sono di natura personale , possiamo usare il discorso auto-diretto, in particolare in questi casi può aiutarci a parlare in terza persona per adottare un’altra prospettiva e ridurre la sensazione di blocco.

Quindi, quando è un male parlare da soli?

Quando ciò che verbalizzi non ti sta servendo come una risorsa per migliorare le tue attività quotidiane, quando trasmetti continuamente messaggi negativi, quando il tuo discorso interno interferisce con il discorso sociale in comunicazione con gli altri e ti isola, o quando non sei in grado controllarlo in presenza o meno degli altri. È possibile che, in alcuni casi, tu consideri che il discorso ha ripercussioni più negative nella tua vita, invece degli effetti positivi sopra menzionati e questo può essere associato ad altri tipi di problemi. In generale, parlare da soli è qualcosa di totalmente normale e persino sano.