Passeggiata romantica sulla spiaggia lascia alla coppia dei piedi gravemente deformati

Ecco cosa è successo.

Una coppia un giorno decise di andare a fare una passeggiata romantica sulla spiaggia. Quando sono rientrati a casa, però, l’amara scoperta: entrambi avevano i piedi completamente deformati. Eddie Zytner (a sinistra) e Katie Stephens, purtroppo, camminando a piedi nudi sulla spiaggia di un resort della Repubblica Domenica hanno fatto un incontro spiacevole.


Eddie Zytner e Katie Stephens mai si sarebbero immaginati di poter incappare in una situazione del genere. Tutta colpa degli ancilostomi contratti durante una passeggiata a piedi nudi in riva al mare. La giovane coppia canadese, adesso, mette in guardia dai pericoli che si possono incontrare durante una piacevole vacanza in mete tropicali in giro per il mondo. In particolare con le fotografie pubblicate online, mettono in guardia dai rischi di camminare a piedi nudi nella sabbia. Appena rientrati i due hanno cominciato a sentire un gran prurito ai loro piedi. Katie Stephens, 22 anni, a CTV News ha raccontato che durante soggiorno presso l’IFA Villas Bavaro Resort a Punta Cana, lei e il suo fidanzato, Eddie Zytner, 25 anni, hanno cominciato ad avere problemi ai piedi dopo una passeggiata. I due avevano sentito di parlare di pulci della sabbia, ma non pensavano che le conseguenze fossero quelle. Rientrato a casa Zytner notò i piedi gonfi con piccole protuberanze sulla punta dei piedi. Su Facebook la coppia ha raccontato che all’inizio pensavano fossero solo punture di insetti, ma le cose peggioravano di giorno in giorno.

Due medici erano sconcertati di quello che si trovavano di fronte.

Solo un terzo medico ha riconosciuto la condizione, perché aveva visto di recente un caso simile in un turista che era stato in vacanza in Thailandia.

La coppia ha contratto il larva migrans, probabilmente mentre camminava sulle spiagge sabbiose del loro resort a Punta Cana.

Ora la coppia vuole sensibilizzare l’opinione pubblica su una condizione che spesso nemmeno i medici conoscono. Per fortuna le loro condizioni migliorano progressivamente!