Pensavano avesse bevuto troppa birra: invece aveva un tumore di 13 chili!

Ecco la storia di quest'uomo.

Home > Lifestyle > Pensavano avesse bevuto troppa birra: invece aveva un tumore di 13 chili!

Kevin Daly è un uomo di 63 anni, che si è sottoposto nel 2015 a un intervento al cuore, dopo il quale ha perso ben 34 chilogrammi. Eppure la sua pancia continuava a essere troppo grande, della stessa dimensione di prima, nonostante la notevole perdita di peso. Si pensava fosse una classica pancia da troppa birra, invece l’uomo aveva un tumore di 13 chili!

Daly e sua moglie Rachelle cominciarono a insospettirsi, perché non era assolutamente normale avere un pancione così grosso visto il suo peso.

A dicembre il pianificatore finanziario di Hoboken, nel New Jersey, convinse il medico a sottoporlo a una TAC, per vedere cosa non andasse nel suo stomaco, troppo gonfio rispetto al peso del suo corpo.

La scansione ha rivelato che le birre non c’entravano nulla, anche perché non ne beveva così tante: lui aveva una massa tumorale di 13 chili cresciuta indisturbata in 10 lunghi anni.

Ovviamente i medici erano meravigliati, sia perché l’uomo non aveva avuto altri sintomi, sia perché il tumore era rimasto localizzato, non si era per niente diffuso nel resto dell’organismo.

I medici scoprirono che era un liposarcoma, un cancro che inizia nelle cellule adipose e di solito si genera nell’addome, nelle braccia o nelle gambe e assomiglia molto al tessuto grasso.

Gli specialisti del Lenox Hill Hospital ci hanno impiegato 6 ore per rimuovere dal suo stomaco quel tumore che ormai occupava gran parte del suo addome.

Se non avesse deciso di indagare su quella pancia che, nonostante la perdita di peso, non andava già, probabilmente il tumore lo avrebbe ucciso in pochi mesi.

Per fortuna non si era diffuso in nessun’altra parte del corpo.

Di solito questi tumori causano dolori addominali e gonfiori, ma anche stitichezza, sangue nelle feci, sensazione di sazietà prima di mangiare, ma invece nell’uomo non ha causato alcun segnale evidente, per questo è cresciuto indisturbato.