Provano a cucinare il figlioletto di 4 mesi nel microonde. Arrestata una coppia di ventiduenni.

Home > Lifestyle > Provano a cucinare il figlioletto di 4 mesi nel microonde. Arrestata una coppia di ventiduenni.

Sono allucinanti le accuse a cui devono rispondere Derick e Mikala Boyce-Slezak, una coppia del Missouri. I due, che vivono a Park Hills, avrebbero messo il figlioletto di appena 4 mesi, nel forno a microonde per provare a cucinarlo. Il piccolo è miracolosamente salvo, e i due dovranno rispondere alla legge, di abusi su minore. Anche in riferimento ad altri incidenti, che hanno visto vittima il bimbo, in particolare in un’occasione lo avrebbero fatto cadere mentre erano impegnati a guardare la televisione a casa.

Un noto giornale Americano, riferisce che le indagini nei confronti della coppia, entrambi di 22 anni, siano scattate quando i due portarono il figlioletto al pronto soccorso,dell’ospedale Cardinal-Glennon, per una eruzione cutanea sul viso ad Aprile. I medici, notarono che non si trattava di una eruzione cutanea, ma bensì di una ustione di secondo grado.

In quella stessa occasione, i medici appurarono che il bambino aveva anche delle lesioni cerebrali, e una frattura del cranio. La madre si è giustificata, sostenendo che il figlio fosse allergico ad un prodotto di pulizia, i dottori però hanno immediatamente allertato la polizia.

A quelpunto, i due ragazzi si sono difesi, affermando che il piccolo sia scivolato dalle braccia del papà sbattendo la testa, ma le condizioni del piccolo erano troppo gravi e sospette, quindi per i due sono scattate le manette. I risultati degli esami fatti in ospedale, hanno fatto emergere una incredibile e scioccante accusa.

I due hanno provato a cucinare il piccolo mettendolo nel forno a microonde, per un tempo indecifrato,ma non tanto a lungo da fargli riportare ferite permanenti. Ora Derick e Mikala Boyce-Slezak sono detenuti nella prigione della contea di St. Francois ed il giudice , scioccato da tanta crudeltà, ha fissato la cauzione a mezzo milione di dollari.