Qualche chilo in più allunga la vita

È ufficiale: avere qualche chilo in più allunga la vita. Lo rivela uno studio

Home > Lifestyle > Qualche chilo in più allunga la vita

È ufficiale: avere qualche chilo in più allunga la vita. Lo rivela uno studio. Gli esperti ci raccomandano sempre di mantenerci in forma con un peso corporeo adeguato, solo così possiamo vivere meglio e più a lungo (dicono). Ma uno studio proveniente dall’Australia, sostiene che i soggetti anziani in leggero sovrappeso, hanno una maggiore probabilità di vivere più a lungo rispetto ai coetanei che si mantengono in forma.

Siamo abituati a sentire che essere in sovrappeso genera una serie di problemi si salute, soprattutto per quanto riguarda il cuore, a maggior ragione in età avanzata. Ma sulla base dei risultati ottenuti, i ricercatori della University of Western Australia sostengono il contrario.

L’autore della ricerca, Leon Flicker, ha dichiarato: “Il nostro studio suggerisce che coloro che sopravvivono in buona salute oltre i 70 anni possiedono una serie di rischi e benefici legati al grasso in eccesso completamente differenti rispetto ai soggetti più giovani”.

Per questo studio è stato analizzato il tasso di mortalità di 9200 anziani con più di 70 anni, costituendo 4 diversi gruppi a seconda del peso.

I risultati hanno dimostrato che vi è un minor rischio di morte per le persone in sovrappeso (cioè qualche in più del normale) con una percentuale del 13% inferiore ai volontari magri. Questi benefici sono stati riscontrati anche negli obesi ma gli autori di questo studio ci hanno tenuto a precisare che se si conduce uno stile di vita sedentario, può aumentare il rischio di mortalità ed avere problemi cardiovascolari.

Un altro studio condotto dalla dott.ssa Katherine Flegal, scienziata ed epidemiologa americana del National Centre For Health Statistics, del Centro per il Controllo delle malattie e la prevenzione del Maryland, negli Stati Uniti, ha affermato che essere leggermente in sovrappeso aiuta a proteggere il cuore durante i periodi di malattia e diminuisce il rischio di morte prematura.