Quello che è accaduto a Sergio, il ragazzino che è andato via per sempre

Di storie terribili se ne sentono tutti i giorni, ma quella che abbiamo deciso di raccontarvi oggi, vi farà sicuramente riflettere su quello che è in realtà la vita. Il protagonista è un ragazzino di soli quindici anni, chiamato Sergio René. Nessuno avrebbe mai immaginato che gli sarebbe mai capitata una tragedia simile.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Questo ragazzino, la sera del primo luglio, era uscito per andare ad una festa con i suoi amici. Tutto stava procedendo bene, si erano divertiti e dovevano tornare alle proprie case. Proprio in quel momento, mentre Sergio, con i suoi amici, per strada a piedi, dietro di loro, sono arrivati quattro uomini armati, che stavano seguendo un altro signore, però, quando si sono trovati davanti i ragazzini, uno di loro ha iniziato a sparare ed ha colpito Sergio ad una gamba. L’adolescente è stato portato subito all’ospedale pediatrico della città ed i medici, per cercare di salvargli la vita, gli hanno amputato la gamba. La madre, Marcela Ortega, qualche giorno dopo l’operazione, ha scritto su i suoi social, che il figlio si stava riprendendo e che tutto stava procedendo bene. Nessuno avrebbe mai immaginato che stava per accadere il peggio. Sergio è stato colpito da una forte infezione ed ha perso la vita pochi giorni dopo. Tutti in quell’ospedale sono rimasti molto delusi, nessuno si sarebbe mai aspettato che il male fosse proprio dietro l’angolo. La mamma, ha anche lasciato il lavoro per stare con il suo bambino, ma non c’è stato nulla da fare.

Il problema, è arrivato anche quando la famiglia di Sergio, essendo molto povera, non potevano permettersi nemmeno di pagare il funerale e la sua tomba.

Così, alla fine, molte persone hanno fatto diverse donazioni per questa mamma, per aiutarla a seppellire il suo caro figlio e per avere un posto dove poter andare a pregare per lui.

Gli assassini di Sergio ora, sono stati arrestati e noi ci auguriamo solamente che possano scontare la pena che meritano.

Riposa in pace Sergio!