Quest’uomo è rimasto seduto nello stesso punto per tre anni, finché…

Home > Lifestyle > Quest’uomo è rimasto seduto nello stesso punto per tre anni, finché…

Questa vicenda ha incuriosito centinaia di persone e quando si è sparsa l’immagine sul web, anche migliaia. Il protagonista è un senzatetto che per tre lunghi anni se ne è stato seduto nello stesso punto, lungo una strada a Webster, in Texas. Lui stava lì, seduto, anche se pioveva o se il sole era cocente, anche se nevicava o grandinava, si muoveva solo se costretto dai bisogni primari.

Tutti lo guardavano, tutti si domandavano, ma nessuno in tre anni ha mai fatto nulla, ne si è mai preoccupato per lui. Questo fino a quando Ginger Sprouse non ha scoperto tutto. Ginger è una bellissima donna che vive a Webster e, insieme a suo marito, gestisce un noto ristorante. Anche lei aveva notato il senzatetto. Un giorno con un caldo insopportabile, un giorno sotto la pioggia… ma come tutti gli altri, proseguiva il suo cammino. Finché, una volta, trovandosi di passaggio, un amico che era in macchina con lei, non brontolò: “qualcuno dovrebbe fare qualcosa per quell’uomo”. Improvvisamente Ginger accostò l’auto, scese e iniziò a parlare con quell’uomo. Fu allora che scoprì il motivo per cui per tre anni, non si era mai mosso dallo stesso punto. Si chiamava Victor Hubbard, aveva trentadue anni e combatteva contro una brutta malattia mentale, per colpa della quale, tre anni prima, sua madre lo aveva abbandonato, proprio in quel punto. Lui pensava che lei tornasse e l’aspettava lì, nonostante tutto. Il cuore di Ginger si fece in mille pezzi e da quel giorno, ogni volta che poteva, ad ogni pausa dal lavoro, andava da lui. Gli portava il necessario e facevano una chiacchierata da buoni amici.

Nei tre mesi successivi, lo convinse ad alzarsi da lì e gli fece fare una visita psichiatrica. Pagò ogni cura e gli diede un lavoro all’interno del suo ristorante.

Quando la sua storia si diffuse, ogni cittadino prese a cuore Victor e cercò di aiutarlo come meglio possibile. Chi con il cibo, chi con i vestiti, chi con un supporto economico. Ha insegnato a tutti una lezione molto importante.

Dopo che è stata raccontata in ogni parte del web, Ginger è stata contattata da un lontano zio di Victor che non era a conoscenza della sua situazione.

“È venuta qui e lei mi ha salvato. È come la grazia “, è così che Victor ha descritto Ginger. Una storia davvero meravigliosa