Reggio Emilia: Non si presenta alle nozze per la seconda volta, lei lo riempie di botte davanti a tutti

Home > Lifestyle > Reggio Emilia: Non si presenta alle nozze per la seconda volta, lei lo riempie di botte davanti a tutti

Sicuramente è già successo che uomini si tirano indietro all’ultimo momento, ma boicottare l’altare per due volte di seguito e con la stessa donna, dovrebbe essere un vero record. E’quello che è accaduto a Reggio Emilia dove un uomo di 30 anni, dopo aver presentato tutti i documenti necessari e fissato l’appuntamento

anche con parenti e amici, avrebbe deciso di fare marcia indietro non presentandosi presentato in Comune per il matrimonio. Come racconta il quotidiano “Il resto del carlino”, il gesto ha fatto naturalmente infuriare la futura sposa, che stufa del suo comportamento, lo ha cercato, trovato, raggiunto e infine malmenato in pubblico in un centro commerciale. “È la seconda promessa di matrimonio infranta in sei anni che stiamo insieme. Non ci ho più visto e l’ho riempito di botte davanti a tutti” ha scritto la donna di 38 sul suo profilo Facebook. “Già quattro anni fa si era presentato con tanto di anello. Poi dopo due mesi ci ha ripensato. Avevo annullato tutte le prenotazioni, dal ristorante alla chiesa. Alla fine lo avevo perdonato. Ora di nuovo”. “Poco tempo fa si era nuovamente fatto avanti. Stavolta sembrava tutto certo, fino a quando non è arrivato in Municipio per le firme del caso.

Avevamo fissato la data delle nozze, avevamo già comprato gli abiti, le bomboniere e prenotato il ristorante”.

“Mi sono messa a piangere. L’ennesima mazzata dopo tante che ho avuto nella vita ma ho un carattere vulcanico e così ho deciso di affrontarlo”.

“Sono andata agguerrita, lui quando mi ha visto si è nascosto dietro una donna addetta alla sicurezza. Gli ho urlato di darmi chiavi e soldi per pagare tutto ciò che avevo anticipato io per le nozze.

Poi l’ho preso per il cappuccio e gli ho dato pugni e calci fino a farlo scappare” dice ancora la 38enne, concludendo:

“Se ci penso seriamente piango per ore, ma che devo fare? Bisogna andare avanti”.