Salvini: “Mattarella non mi rappresenta, domani data per le elezioni o andiamo a Roma”

Finalmente ha parlato anche il leader della Lega Matteo Salvini che attacca duramente il presidente della repubblica Mattarella. “Mattarella non mi rappresenta: ha rappresentato gli interessi di altri paesi, non degli italiani” dichiara il leader leghista sul suo profilo Facebook e poi aggiunge:


“Siamo una colonia tedesca o francese, siamo un paese occupato finanziariamente dai burocrati di Bruxelles”. Poi lancia una minaccia: “Vogliamo domani una data per le elezioni, altrimenti veramente andiamo a Roma. Dopo anni hanno gettato la maschera. Stavolta ci hanno fermato, ma non lo faranno la prossima volta”. Poi parla del suo alleato Silvio Berlusconi: “Confesso che non ho capito Berlusconi. Di fronte a un attacco alla democrazia come questo ha espresso solidarietà a Mattarella. Ma come, ho tenuto salda la coalizione per mesi, sono partito solo quando Berlusconi mi ha detto ‘Matteo vai’ e ora che abbiamo lavorato tre settimane come muli e Mattarella fa saltare tutto dalla sera alla mattina, Berlusconi cosa fa invece di dire mezza parola in difesa di un alleato? Dice viva viva Mattarella e Merkel. Capirò nelle prossime ore. Non voglio fare scelte affrettate. È il momento della calma, anche se sono incazzato nero, se posso dirlo senza che salga ancora lo spread”.

Infine parla di tutti gli Italiani che scrivono sul suo profilo:

“In tanti mi scrivono: andiamo in piazza. Ragazzi, calma. Molti chiedono: Mattarella mi rappresenta? In questo momento no.

Come colui che ha bloccato un governo che era pronto a partire. Ora dico a Mattarella che vogliamo una data per le elezioni: ma non saranno elezioni politiche ma un referendum a difesa della democrazia.

La prossima volta votare serve dieci volte tanto, sarà un plebiscito. O si vince o si muore, o si cambia o si scappa”.