Scompare in una tempesta di neve, 31 anni dopo viene fatta la scioccante scoperta

In Russia, un giovane escursionista è scomparso 31 anni fa su una montagna pericolosa. Recentemente, hanno trovato il suo corpo completamente congelato. Il caso che vedremo dopo sembra come se fosse stato preso da uno di quei film di escursionisti che si perdono in pericolose montagne, cercando un po ‘di adrenalina, e che diversi anni dopo si trovano completamente congelati. Indubbiamente, la realtà supera la finzione.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Nel 1987, Elena Basykina decise di scalare, insieme a sei amici, il monte Elbrus, situato nel sud della Russia. Questo picco ha la particolarità di essere il più alto in Europa, con 5 mila metri di altezza, che lo rende uno dei più pericolosi al mondo.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Basykina scomparve e la sua famiglia pensò che la donna fosse stata rapita o che la prendessero in ostaggio in cambio di denaro. Sfortunatamente, non era così. Il corpo della donna è stato trovato questa settimana completamente congelato, in perfette condizioni, insieme al suo passaporto e un biglietto aereo del 1987, così riportava il notiziario di East2west.

I testimoni della scoperta hanno detto che sembrava una “figura di cera”, che indossava ancora la giacca e l’attrezzatura da arrampicata come se stesse uscendo per la scalata in quel momento.

Sfortunatamente, la madre di Elena è morta anni fa, secondo quanto suo cugino, Evgeny, ha detto ai media locali. “Abbiamo aspettato Elena per più di 30 anni. Abbiamo cercato di scoprire cosa le era successo. Quella regione è molto pericolosa “, ha detto.

Nel 1987, i soccorritori non riuscirono a localizzare né Basykina né il resto del suo gruppo, che era scomparso dopo una grande valanga. La donna non era sposata, non aveva figli e lavorava all’istituto scientifico di Mosca.

In questo modo, 31 anni dopo questa tragedia, è diventata la prima persona in questo gruppo a essere trovata, sebbene i soccorritori non credano di poterne trovare altri.