Sette segnali che il tuo partner sta abusando di te emotivamente

Ecco cosa dovete tenere in considerazione.

Purtroppo nella nostra vita può capitare di incappare in una relazione malsana. Ci sono casi in cui il nostro partner usa violenza, ma ci possono essere non solo abusi di tipo fisico, ma anche di tipo mentale ed emotivo. Chi è vittima spesso nemmeno se ne accorge di un partner emotivamente violento, perché il comportamento è così sottile da passare quasi inosservato.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Eppure ci sono dei segnali evidenti che dovremmo tenere in considerazione per capire come si sta comportando il nostro partner.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Ecco quali sono i segnali sottili di un abuso di tipo emotivo.

1 Battute con messaggi nascosti

Spesso le battute possono avere un significato nascosto. Possono avere un forte impatto sull’autostima di chiunque.

E’ un abuso emotivo che si può riscontrare sia in amore sia sul lavoro.

2 Insulti

Se in ogni discussione ti riserva degli insulti, forse c’è qualcosa che non va.

E’ un tipo di abuso emotivo che si può riscontrare in moltissimi tipi di relazioni, non solo affettive.

3 Creare sensi di colpa

Lo scopo è creare dei sensi di colpa che possono spingerti a fare quello che vogliono loro.

E’ un modo subdolo per manipolare le persone.

4 Non ascoltarti

Il loro silenzio e la loro disattenzione mentre parliamo è un modo per non farti sentire amata e considerata.

E’ un’altra forma molto subdola di abuso emotivo.

5 Escluderti se non sei d’accordo

Il tuo partner è infantile se si comporta con te così.

E’ una forma di abuso che può condurre al controllo della nostra mente e delle nostre decisioni.

6 Si prende gioco della tua sensibilità

E’ un segno che la persona potrebbe avere una doppia natura.

Se il tuo partner si prende beffa della tua sensibilità, fatevi qualche domanda.

7 Usa metodi per farti sentire piccola e debole

Lo fa indirettamente, un modo subdolo per farti perdere la fiducia in te stessa.

La reazione, infatti, è insicurezza, esitazione, mentre l’altro finisce per controllarci.