Si possono leggere i messaggi cancellati su Whatsapp?

Ecco un trucchetto!

Home > Lifestyle > Si possono leggere i messaggi cancellati su Whatsapp?

Che bello, su Whatsapp si possono cancellare i messaggi ed è davvero una delle funzioni che attendevamo da più tempo, perché ci permette di fare marcia indietro se per caso abbiamo inviato un messaggio alla persona sbagliata o se per caso abbiamo commesso un po’ troppi errori grammaticali, complice anche il completamente automatico e il T9. Davvero una vera comodità, non vi pare? A patto di essere velocissimi, perché avete 7 minuti esatti per cancellare i messaggi così i mittenti non lo vedranno. Ma lo sapete che c’è un bug nella funzione?

Sicuramente vi sarà già capitato di incappare in una chat dove a un certo punto è apparsa la scritta “Messaggio cancellato”: e tutti noi ci siamo chiesto se lo avevano cancellato per un errore di invio o di grammatica, oppure se magari aveva scritto qualcosa di interessante del quale però poi si è pentito. Una curiosità che spesso ci rode dentro, non è vero?

Questo accade soprattutto se il partner è una persona a cui teniamo, magari il ragazzo con cui usciamo o nostro marito: chissà, magari aveva inviato un messaggio all’amante e invece si era sbagliato inviandolo a noi. Sarebbe stato bello poterlo incastrare così, non è vero? Ma ora un modo c’è, secondo quanto riportato dal blog ‘Android Jefe’.

Tutta colpa di un bug che ci permette di leggere un messaggio cancellato: i destinatari possono guardare, sempre entro i 7 canonici minuti, la cronologia, a patto di usare un telefonino che lavora con il sistema operativo Google. I messaggi finiscono nelle notifiche e con un’applicazione, come Notification History, noi possiamo risalire al messaggio.

Peccato però che si possano leggere solo i primi 100 caratteri in questo modo: potremmo anche essere fuorviati dal messaggio, che potrebbe iniziare malissimo, ma concludersi meglio. Però se lo ha cancellato, ricordiamoci che un motivo c’è sempre.

Altrimenti se siete curiosi e non ce la fate a resistere, fategli il terzo grado: prima o poi cederà!