Spesa online, cosa comprano gli italiani

Spesa online, cosa comprano gli italiani? La spesa a domicilio quanto è diffusa nel nostro paese?

Home > Lifestyle > Spesa online, cosa comprano gli italiani

Spesa online, quanto è diffusa la spesa a domicilio? Se amiamo fare shopping online, complici i tanti e-commerce e negozi virtuali di brand, per la spesa di tutti i giorni qual è la tendenza? Ci piace fare la spesa a distanza e veder tutto recapitato comodamente sotto casa? Oppure no?

Il Report Annuale di Supermercato24, marketplace italiano della spesa online con consegna in giornata, svela quali sono i trend e le abitudini di consumo degli italiani negli ultimi 12 mesi. L’indagine è stata condotta nell’anno che abbiamo appena salutato e ci racconta qual è il rapporto degli italiani con la spesa a domicilio.

I prodotti più acquistati sono formaggi, salumi e gastronomia, categoria che rappresenta il 13% degli ordini totali, seguita da frutta e verdura (12%) e al terzo posto acqua, bibite e alcolici (11,5%). La top 5 si chiude con carne e pesce (10%) e prodotti per la colazione, dolciumi e snack (8%). I piatti pronti non sembrano interessare agli italiani.

In sesta posizione troviamo sughi, scatolame e condimenti, seguiti in settima da latte, burro e yogurt. Surgelati e gelati si attestano in ottava posizione, mentre in nona e decima troviamo rispettivamente i prodotti per l’igiene e la cura personale e i prodotti che usiamo per la pulizia della casa.

Secondo i dati resi noti, gli italiani hanno comprato principalmente alla fine dell’anno, nei mesi di novembre, ottobre e dicembre, che hanno registrato il volume di acquisti maggiore rispetto al resto dell’anno. Agosto è il mese in cui gli acquisti sono minori, insieme a febbraio e aprile. Il lunedì è il momento preferito per la spesa online, con picchi di ordini tra le 10 e le 11. Il sabato e la domenica, invece, gli acquisti sono rari.

In Emilia Romagna, poi, la spesa è più sana, con Parma in vetta, seguita da Modena e Bologna. Più golosi i napoletani, che vincono negli acquisti dei dolci. E dove si brinda di più? In Lombardia!