Talento, come riconoscerlo? Guarda la forma del tuo viso

Ecco cosa è stato scoperto da un recente studio scientifico, che ci dice come si capisce il talento di una persona.

Home > Lifestyle > Talento, come riconoscerlo? Guarda la forma del tuo viso

Ognuno di noi ha un talento, qualcuna di noi sa già qual è, altre, invece, devono ancora scoprirlo. Ma ci sarebbe un indizio legato ai nostri tratti somatici, che ci rivelano quanto una persona sia più o meno talentuosa e competente. Ecco cosa è stato scoperto.

Il talento: come scoprirlo

talento-come-scoprirlo

Una ricerca condotta dalla Princeton University ci dice che possiamo capire il talento di una persona dal suo viso. In particolare, tratti somatici mascolini ispirano competenza. Ciò significa che la mascella squadrata,  i tratti marcati del volto, le labbra sottili e il naso largo sono segni di talento e competenza.

I ricercatori  hanno scoperto ciò grazie alla costruzione di un modello di volti maschili e femminili, modificandoli digitalmente nei tratti somatici – rendendoli più o meno maschili.

A oltre duecento partecipanti online è stato chiesto di valutare  la competenza o meno di queste persone ed è emerso un pregiudizio di genere. Infatti, i volti maschili e femminili, via via con i tratti mascolini più accentuati, sono sembrati sempre più competenti, rispetto ai volti più dolci.

Che cosa emerge dallo studio

talento-volto

Da questo studio emerge, dunque, un dato molto importante e problematico, se consideriamo ad esempio il reclutamento di personale nelle aziende. E’ l’apparenza a prevalere sulla verità. Ma se qualcuno appare competente, ciò non garantisce che lo sia effettivamente.

Sicuramente il volto parla di sé e ci dice tanto sulla personalità di una persona, ma chiaramente serve sempre una valutazione concreta, all’atto pratico, per poter rilevare o meno le competenze e il talento personali.

talento

Lo studio dei tratti caratteriali di una persona dal volto non è una novità. Della fisiognomica del viso, infatti,  se ne sente parlare già dal XVI secolo. E’ una disciplina pseudoscientifica secondo la quale è possibile dedurre i caratteri psicologici e morali di una persona, solo analizzando l’aspetto del viso. Ma sulla veridicità di questa dissciplina ci sabebbe molto da discutere.