Ti amo in tutte le lingue del mondo: ecco come si dice

Per dimostrare il vostro sentimento, per una ricorrenza, per essere originali: ecco come si dice ti amo in tutte le lingue del mondo

Home > Lifestyle > Ti amo in tutte le lingue del mondo: ecco come si dice

Volete essere davvero originali e stupire il vostro lui? Fatelo imparando come si dice ti amo in tutte le lingue del mondo! Ci sono occasioni e sentimenti in cui la semplice frase in italiano non basta e c’è bisogno di spingersi linguisticamente oltre per rendere l’idea.

Tenendo presente che un bacio e un abbraccio possono dire molto più di qualsiasi lingua, oggi vi facciamo fare un giro tra modi di esprimersi amore e affetto in tutto il mondo, con piccole note nei casi più curiosi. Buon viaggio!

Ti amo in tutte le lingue del mondo: perché dirlo

Anche se ci sono tante frasi romantiche che potremmo utilizzare, dire ti amo in un’altra lingua può servire anche per impressionare l’uomo che amiamo. Si tratta un gesto semplicissimo ma di grande effetto. Inoltre una delle traduzioni può diventare il vostro “personale” di dirvelo: qualcosa di intimo, quasi segreto.

Scopriamo allora come si esprime il sentimento più bello del mondo in tante lingue diverse.

Ti amo, i più semplici: le traduzioni dirette

“I love you”
Lo conoscevate già, è il modo di dire ti amo in inglese. Lo dicono nel Regno Unito, in Irlanda, negli Stati Uniti, in Australia e in Canada , ma è ormai molto diffuso anche in India, Sud Africa, a Singapore e nelle Filippine.

“Te amo” o “Te quiero”
È spagnolo. Si dice così in Spagna, nell’America Ispanica, nella Guinea Equatoriale, nel Sahara Occidentale e nelle Isole del Pacifico.

“Eu te amo”
Questa è una frase portoghese. Si dice così in Portogallo (ovviamente), in Angola, Brasile, Capo Verde, Mozambico, São Tomé and Príncipe e Timor-Leste.

“Je t’aime”
È la traduzione francese. Si dice in Francia, parte del Belgio, parte del Canada e in alcune isole caraibiche.

“Āmi tōmāẏa bhālōbāsi”
È bengalese. Si usa in Bangladesh e in alcune zone dell’India.

“Jag älskar dig”
La traduzione diretta in svedese. Si dice così anche in Finlandia, oltre che in Svezia.

“Nakupenda”
La traduzione in swahili. Si dice così in Kenya, Tanzania e Uganda.

“Se agapò”
Il nostro ti amo tradotto in Greco. Si usa in Grecia (naturalmente) e a Cipro.

“Szeretlek”
Traduzione del nostro ti amo in ungherese. Particolarmente usato nei paesini di campagna dell’Ungheria.

“Ya tebya lyublyu”
È la traduzione diretta del nostro ti amo in russo. Se si vuole enfatizzare il proprio sentimento si può dire “Ya lyublyu tebya vsem serdtsem”. Si dice in Russia e in Mongolia.

“Wǒ ài nǐ”
Questo è il modo di dire ti amo in mandarino. Si usa in Cina, a Taiwan e anche a Singapore.

“Ich liebe dich”
È tedesco e si usa in Germania, Austria, parte del Belgio, Lussemburgo, Svizzera e Sud Tirol.

“Miluji tě”
Il nostro ti amo in ceco, esclusiva della Repubblica Ceca.

“Volim te”
Ti amo in lingua serbo-croata. Si dice così in Serbia, Croazia, Bosnia e Montenegro.

“kocham Cię”
La traduzione in polacco. Oltre che in Polonia si dice anche in Lituania e in alcune zone degli Stati Uniti, della Germania, del Regno Unito e dell’ovest dell’Ucraina.

Ti amo, le traduzioni più particolari

È il momento giusto per dire ti amo? Volete stupire il vostro lui dicendolo in maniera davvero davvero particolare e non con una semplice traduzione? Allora queste sono le parole che fanno per voi!

“Main tumse pyar karti hoon”
Una frase lunga, in lingua hindi, che in realtà non è univoca. Infatti “Main tumse pyar karti hoon” è la frase che le donne dicono agli uomini, mentre quando sono gli uomini a dirlo a una donna si dice “main tumse pyar karta hoon”. Si usa in India, nelle Fiji e in Nepal.

“uHibbuka”
È il modo di dire ti amo in arabo. Così come l’indiano, però, ha due versioni. “uHibbuka” è il modo che una donna usa per esprimere i suoi sentimenti a un uomo. Viceversa, si usa “uHibbuki”. Si usa in Medio Oriente, Nord Africa e anche in alcune zone del Sud Africa.

“Kimi wa aishiteru”
Si tratta di un modo di dire ti amo in giapponese, ma non è il più frequente. I giapponesi usano queste parole con moderazione e poche volte in una relazione. Più comune è “Watashi wa anata wo suki desu”, abbreviato in “suki desu”, che letteralmente significa “mi piaci un sacco” ma è espresso negli stessi contesti in cui noi diremmo un “ti amo” e ha lo stesso valore.

Ti amo, nelle lingue meno comuni

Non vi bastano? Volete davvero poter dire ti amo in tutte le lingue del mondo? Allora concludiamo con un ultima serie di traduzioni, un po’ meno comuni.

“Aya gvgeyu i’nihi”, cherokee

“Ez te hezdikhem”, coreano

“Taim i’ ngra leat”, irlandese

“Mon rahkistan tonu”, lappone

“Nga kayrâng la gawpo yö”, tibetano

“Anh yêu em”, vietnamita

“P̄hm rạk khuṇ”, tailandese

“Ina son ka”, nigeriano

“Mama oyāṭa ādareyi”, singalese

“Waan ku jeclahay”, somalo

“Ngiyakuthanda”, zulu

Adesso avete davvero l’imbarazzo della scelta!